Svizzera, 21 giugno 2019

Svizzera e UE si incontrano per parlare di libera circolazione, "va tutto bene"

La Svizzera e l'Unione europea si sono incontrati per discutere dell'accordo sulla libera circolazione nel quadro del comitato misto. Gli ostacoli alla negoziazione dell'accordo quadro come la direttiva sulla cittadinanza europea o le misure di accompagnamento non sono stati affrontati. Come parte dell'incontro, Bruxelles ha ribadito i suoi requisiti ma nessun argomento è stato discusso, fa sapere la delegazione svizzera all'agenzia ATS. Quest'ultima è guidata da Cornelia Lüthy, vicedirettrice della Segreteria di Stato della migrazione (SEM). "L'atmosfera era buona e ci siamo trovati d'accordo sul fatto che la libera circolazione funziona bene", ha detto Cornelia Lüthy ai giornalisti svizzeri dopo l'incontro a Bruxelles. Uno degli argomenti principali era la rimozione della clausola di salvaguardia per i cittadini di Romania e Bulgaria il 31 maggio 2019. La delegazione svizzera ha inoltre redatto un bilancio delle restrizioni in vigore fino alla fine del 2021, come quelle a cui sono sottoposti i cittadini croati in termini di accesso al mercato svizzero, spiega il SEM in un comunicato.

La Svizzera ha anche sottolineato come le regole della libera circolazione non sono sempre rispettate nei confronti dei cittadini svizzeri, ha osservato Lüthy. Ad esempio, gli elvetici che desiderano ottenere un permesso di soggiorno in Svezia devono fare fronti a ostacoli amministrativi e ci sono anche problemi con l'acquisto di beni immobili in Croazia. Cornelia Lüthy ha anche condiviso le prime esperienze in Svizzera per quanto riguarda il dovere di annunciare i posti vacanti e ha fornito informazioni sulla cosiddetta iniziativa di limitazione UDC. "Ho sottolineato il fatto che il Consiglio federale si è chiaramente impegnato a favore della libera circolazione e ha respinto l'iniziativa", ha affermato il capo della delegazione. Una posizione accolta con favore dall'UE che "ha espresso il proprio apprezzamento per la posizione presa dal governo svizzero", ha affermato il SEM nella sua dichiarazione.  

Guarda anche 

In carcere per aver pagato gli operai 20 centesimi all'ora

Il titolare di una società fallita nel 2018 è stato denunciato da quindici dei suoi ex dipendenti e posto in detenzione preventiva a Ginevra. L'accusa &...
16.01.2020
Svizzera

Richiedente l'asilo picchia la compagna incinta per farla abortire, condannato (ma niente carcere né espulsione)

Un richiedente l'asilo iracheno è stato riconosciuto colpevole di lesioni semplici per aver picchiato ripetutamente la compagna incinta per farla abortire. Non...
13.01.2020
Svizzera

PLR ancora (e come sempre) contro il Ticino

Come da copione, l’assemblea dei delegati del PLR svizzero tenutasi sabato nel Canton Svitto, ha pronunciato il proprio No bulgaro all’iniziativa “Per u...
12.01.2020
Opinioni

Asilanti non vengono rinviati in Italia, "il TAF mina l'Accordo di Dublino"

L'UDC ha duramente criticato alcune recenti sentenze del Tribunale amministrativo federale di vietare il rinvio in Italia di richiedenti l'asilo. Con "queste...
09.01.2020
Svizzera