Svizzera, 18 aprile 2019

Pagare 50 franchi ogni volta che si va al pronto soccorso? Se ne discute in Parlamento

Lo scorso anno, la Commissione del Consiglio nazionale per la sicurezza sociale e la sanità pubblica (CSSS) ha approvato due iniziative parlamentari volte a rendere più responsabili i pazienti che vanno alle consultazioni di emergenza o ordinarie. In entrambi i casi, si tratta far passare alla cassa i pazienti, sperando che si rechino meno spesso al pronto soccorso.

Diminuire le ammissioni al pronto soccorso per casi lievi

La prima iniziativa è stata presentata da Thomas Weibel (Verdi liberali / GL). La sua idea è di addebitare una tassa, esclusa la franchigia, denominata "Tassa per casi miti", che richiede il pagamento "di circa 50 franchi per l'ammissione alle emergenze ospedaliere. I bambini e gli adolescenti, i pazienti inviati al pronto soccorso da un medico e le persone il cui trattamento successivamente richiede il ricovero in ospedale potrebbero essere esentati da questa tassa." recita il testo dell'iniziativa.

Pagare in contanti prima della consultazione

La seconda proposta viene da Thomas Burgherr (UDC / AG). Essa chiede che i pazienti paghino in contati nell'ambulatorio del dottore. Chiede "un pagamento in contanti per ogni nuova situazione che richiede un trattamento. Potrebbe essere fissato tra 15 e 20 franchi per i medici che esercitano in uno studio privato e tra 30 e 40 franchi per gli ospedali ambulatoriali. Ma le seguenti consultazioni per lo stesso problema di salute sarebbero esentate.

La Commissione degli Stati contraria

Ma se la maggioranza dei parlamentari del Consiglio nazionale ha accolto le due misure, la Commissione omologa agli Stati ha invece bocciato entrambe le iniziative martedì. Il primo con un secco voto di 11 voti a 1 e un il secondo con 7 voti a 5. "Come dimostrato dall'esempio della Germania, i costi derivanti dall'introduzione di queste tasse sono sproporzionati rispetto all'effetto effettivamente raggiunto ", osserva la commissione. Ma soprattutto ha sottolineato che il Consiglio nazionale ha respinto un aumento di 50 franchi delle franchigie all'anno durante la sessione primaverile, "una misura che sarebbe stata molto più semplice da attuare al fine di ridurre i costi e rafforzare la responsabilità individuale nel sistema sanitario ".

Guarda anche 

"La metà dei migranti malati scappa prima di terminare il trattamento sanitario iniziato", tra questi casi di tubercolosi e hiv

La metà dei migranti che giungono in Italia interrompono il trattamento sanitario iniziato scappando dalla struttura di cui erano ospiti. A riferirlo è il d...
14.11.2019
Mondo

Una Svizzera giovane, grintosa e… vincente! Funziona la formula di Fischer

KREFELD (Germania) – Dopo i buoni risultati ottenuti negli scorsi anni ai Mondiali, e con il prossimo appuntamento iridato casalingo che si avvicina, la Svizzera st...
11.11.2019
Sport

Ballottaggi per gli Stati: Sorpresa a Vaud, i Verdi tolgono seggio al PS (e a Ada Marra)

Oggi tre cantoni romandi, Ginevra, Vaud e Friborgo, eleggevano i loro rappresentanti al Consiglio degli Stati. Se a Ginevra non ci sono state sorprese, con la Verde Lisa ...
10.11.2019
Svizzera

Un nuovo fenomeno inquieta Berna: gli asilanti della salute

Vengono in Svizzera pur sapendo di non avere alcuna chance di ottenere l’asilo. Ma tanto a loro non interesse ricevere protezione. Il loro obiettivo è farsi ...
10.11.2019
Svizzera