Svizzera, 27 dicembre 2018

Per l'ex presidente della Banca nazionale la Svizzera non deve firmare l'accordo quadro, "il tempo gioca a nostro favore"

L'ex presidente della Banca nazionale svizzera Philipp Hildebrand (nella foto) vede grandi difficoltà politiche nella ratifica dell'accordo quadro con l'UE, in particolare a causa della protezione dei salari e dell'immigrazione. In un'intervista rilasciata al gruppo Tamedia, il capo della BNS dal 2010 al 2012 ha criticato la strategia del governo. "Sono un po 'sorpreso che il Consiglio federale abbia pubblicato questo documento senza molte spiegazioni. Non prendere posizione non è certamente un'opzione per il futuro. "

Come è successo con la Brexit, Philipp Hildebrand ritiene che sia possibile che Berna e Bruxelles non possano arrivare a un accordo. Per lui la Svizzera deve "prepararsi per il peggior scenario di una rottura con l'UE". Non possiamo semplicemente supporre che sarebbe una buona cosa se la Svizzera respingesse l'attuale accordo quadro, continua.

"Il tempo gioca a favore della Svizzera"

L'ex presidente della BNS sottolinea, tuttavia, che il tempo gioca a favore di Berna, poiché l'UE ha gli stessi problemi della Svizzera. "Gli europei stessi scoprono che ci sono aziende straniere con salari estremamente bassi in concorrenza con le compagnie nazionali. Questo tema tornerà sul tavolo " afferma.

Ritiene inoltre che la questione se gli immigrati possano beneficiare immediatamente dell'assistenza sociale e il modo in cui viene controllata l'immigrazione sarà probabilmente regolata nuovamente nell'UE in senso restrittivo e a quel punto la Svizzera potrà chiedere le stesse misure valide per gli altri paesi UE.

Guarda anche 

Canone TV, le fatture sbagliate di Serafe finiscono sui banchi del parlamento

Gli errori di fatturazione di Serafe, la nuova ditta di riscossione del canone radiotelevisivo all'inizio dell' anno preoccupano la commissione di gestione del Co...
23.02.2019
Svizzera

Secondo un sondaggio Ignazio Cassis è il Consigliere federale che sta più antipatico agli svizzeri

Stando a un sondaggio effettuato dall'istituto sotomo pubblicato dalla SSR, il Consigliere federale Ignazio Cassis sarebbe il Consigliere federale che risulta meno si...
22.02.2019
Svizzera

Referendum contro la direttiva UE sulle armi, la lotta al terrorismo diventa “lotta agli abusi”

In un comunicato pubblicato ieri la Comunità d'interesse del tiro svizzera (CIT) denuncia come, per il Consiglio federale, l'adozione della direttiva UE su...
22.02.2019
Svizzera

Arrivano dalla Francia per aggredire chiunque gli capiti a tiro, dopo aver malmenato un padre e suo figlio se la cavano con una multa

Erano venuti in gruppo dalla vicina Francia per cercare qualcuno da aggredire, per poi imbattersi in un padre e suo figlio durante una partita di calcio. Risultato: un di...
21.02.2019
Svizzera