Svizzera, 27 dicembre 2018

Per l'ex presidente della Banca nazionale la Svizzera non deve firmare l'accordo quadro, "il tempo gioca a nostro favore"

L'ex presidente della Banca nazionale svizzera Philipp Hildebrand (nella foto) vede grandi difficoltà politiche nella ratifica dell'accordo quadro con l'UE, in particolare a causa della protezione dei salari e dell'immigrazione. In un'intervista rilasciata al gruppo Tamedia, il capo della BNS dal 2010 al 2012 ha criticato la strategia del governo. "Sono un po 'sorpreso che il Consiglio federale abbia pubblicato questo documento senza molte spiegazioni. Non prendere posizione non è certamente un'opzione per il futuro. "

Come è successo con la Brexit, Philipp Hildebrand ritiene che sia possibile che Berna e Bruxelles non possano arrivare a un accordo. Per lui la Svizzera deve "prepararsi per il peggior scenario di una rottura con l'UE". Non possiamo semplicemente supporre che sarebbe una buona cosa se la Svizzera respingesse l'attuale accordo quadro, continua.

"Il tempo gioca a favore della Svizzera"

L'ex presidente della BNS sottolinea, tuttavia, che il tempo gioca a favore di Berna, poiché l'UE ha gli stessi problemi della Svizzera. "Gli europei stessi scoprono che ci sono aziende straniere con salari estremamente bassi in concorrenza con le compagnie nazionali. Questo tema tornerà sul tavolo " afferma.

Ritiene inoltre che la questione se gli immigrati possano beneficiare immediatamente dell'assistenza sociale e il modo in cui viene controllata l'immigrazione sarà probabilmente regolata nuovamente nell'UE in senso restrittivo e a quel punto la Svizzera potrà chiedere le stesse misure valide per gli altri paesi UE.

Guarda anche 

Un'aggressione sessuale al festival jazz gli vale il carcere e l'espulsione

Un cittadino albanese dovrà scontare quattro anni di carcere e verrà in seguito espulso per otto anni dalla Svizzera per aggredito sessualmente una donna du...
22.05.2019
Svizzera

Il misterioso suicidio di un'alta funzionaria UE

“Laura Pignataro s’è suicidata il 17 dicembre. Questa alta funzionaria del servizio giuridico della  Commissione Europea (nella foto) era stata co...
21.05.2019
Mondo

Doppio sì alle urne, UE soddisfatta "ma non ci saranno concessioni"

L'UE ha accolto con soddisfazione il risultato delle votazioni federali svoltesi ieri in Svizzera. Tuttavia Bruxelles non farà nessuna concessione alla Confede...
20.05.2019
Svizzera

"Onore ai ticinesi", "ora so dove passare le mie vacanze". Le reazioni all'indomani del NO ticinese alla Legge sulle armi

Non è passato inosservato il NO del canton Ticino alla nuova legge sulle armi, unico cantone ad avere rifiutato la direttiva UE sulle armi. Il “no” tic...
20.05.2019
Svizzera