Ticino, 07 dicembre 2018

Giungla Ticino: a Bioggio "residenti sostituiti con frontalieri", altrove si cercano telefonisti "italiani e frontalieri anche senza permesso"

Spesso si sente parlare del mercato del lavoro ticinese come di una "giungla", a causa delle numerosi infrazioni che vengono riscontrate e delle condizioni di lavoro nettamente peggiori rispetto al resto della Svizzera. A patire della situazione sono in particolare i cittadini svizzeri che subiscono la concorrenza di stranieri e frontalieri i quali sono spesso disposti a lavorare con salari e condizioni lavorative peggiori. Gli esempi che confermano la situazione difficile del mercato del lavoro ticinese negli scorsi anni sono stati innumerevoli : personale svizzero licenziato per far posto a stranieri e frontalieri, annunci di lavoro di aziende con sede in Svizzera che cercano apertamente e senza vergogna personale residente all'estero, oltre a casi di abusi e irregolarità di ogni tipo.

Nella giornata di ieri la cronaca locale ha offerto ben due di questi casi che ben illustrano la triste situazione in cui versa il mercato del lavoro ticinese. Il primo lo scopriamo attraverso un post del Consigliere comunale UDC di Lugano Alain Bühler il quale ha pubblicato l'articolo di un giornale (presumiamo LaRegione) in cui viene descritta la poco edificante situazione di un'azienda di Bioggio attiva nel settore farmaceutico, la Ginsana SA, che negli ultimi tempi avrebbe licenziato o ridotto il tempo di lavoro al personale svizzero per assumere personale residente in Italia (vedi immagine sotto). "Si azzardi qualcuno a venirmi a dire che si tratta di un "caso isolato" – commenta l'esponente democentrista - Un decennio di casi isolati ne fanno una vagonata! Sono la prova tangibile che in Ticino ci stanno prendendo per il naso con il beneplacito di PLRT, PPD, PS, Verdi e, ovviamente, i grandi beneficiari della libera circolazione e dell'attuale situazione del mercato del lavoro a sud del Gottardo: i sindacati!"





Il secondo caso invece viene alla luce grazie al portale TicinoLibero, il quale ha pubblicato ieri un articolo in cui viene riportato l'estratto di un annuncio di lavoro in cui si cerca un telefonista (vedi immagine sotto), annuncio in cui si precisa che l'annuncio è rivolto "anche a italiani e frontalieri anche senza permesso". Oltre alla precisazione che l'annuncio è rivolto anche a italiani e frontalieri, probabilmente per attirare l'interesse di persone maggiormente disposte ad accettare condizioni di lavoro e salari sotto la media, TicinoLibero sottolinea quel "senza permesso" che fa pensare che si stia cercando qualcuno disposto a lavorare in nero.



Guarda anche 

Il Fronte Automobilisti si rinnova e lancia il tesseramento con sconti sulla benzina

Oggi è un giorno importante per il Fronte Automobilisti Ticinese (FAT). In concomitanza con il lancio del nuovo sito web (https://www.fronteauto.ch/) inizia la ca...
21.02.2019
Ticino

Ghiringhelli: “Il 7 aprile contro l'islamizzazione votate UDC e Lega dei ticinesi, il PPD merita l'estromissione dalla scena politica”

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato inviato dal fondatore del movimento "Il Guastafeste" Giorgio Ghiringhelli, autore della petizione in cui si chiedeva di v...
21.02.2019
Ticino

Andrea Censi - Che fine hanno fatto i posteggi?

Premessa Una premessa è doverosa, nessuno intende mettere in croce la politica delle piste ciclabili, la mobilità lenta va promossa ed è parte integ...
19.02.2019
Opinioni

Ristorni: quello del PLR e di Cassis era solo un bluff

Essendo certificato per l’ennesima volta che il Consiglio federale vuole continuare a farsi prendere per i fondelli dai vicini a sud, non ci sono più scuse p...
18.02.2019
Ticino