Svizzera, 03 dicembre 2018

"La Svizzera non ha sviluppato una strategia chiara con l'Ue"

Da dieci anni la Svizzera non ha sviluppato alcuna chiara strategia nei confronti dell'Unione europea (Ue): lo sostiene senza tanti giri di parole Klaus Armingeon, Professore di politica europea all'Università di Berna, esprimendosi riguardo all'atteggiamento del Governo sul dossier dell'accordo quadro istituzionale.

Queste richieste sono "comprensibili e ragionevoli", ha detto ai giornalisti l'esperto politico europeo Klaus Armingeon domenica al microfono della stazione radiofonica SRF. Ai suoi occhi, "abbiamo aspettato troppo a lungo a Berna, non abbiamo sviluppato una strategia chiara e, quando ci siamo trovati sotto la pressione del tempo, abbiamo ingannato i sindacati che hanno risposto dicendo stop, questo che è comprensibile. Il problema è in Svizzera: "la Confederazione ha giocato troppo a lungo al gatto e al topo".

Via bilaterale "inefficiente"

Il percorso bilaterale non è un successo come la Svizzera vuole credere, afferma Klaus Armingeon. Crea un "doppio malessere" tra gli europei: gli accordi devono essere aggiornati regolarmente, il che richiede "molto sforzo" in una comunità di 28 stati membri. Inoltre, non è chiaro quali procedure di risoluzione delle controversie debbano essere applicate. Questo problema non è stato risolto poiché esistono gli accordi bilaterali e "ora abbiamo bisogno di un quadro", afferma il professore. L'UE non è più pronta a continuare in modo così inefficiente. Klaus Armingeon ritiene che la Svizzera non tenga conto del vero equilibrio delle forze. Ricorda che più della metà del commercio estero della Svizzera è con l'Unione europea, mentre l'Unione europea raggiunge solo il 6-8% con la Confederazione. "L'UE può fare a meno di noi, ma non possiamo fare a meno dell'UE", conclude l'esperto.  

Guarda anche 

Quando gli stranieri guadagnano più degli svizzeri

La remunerazione dei lavoratori stranieri solleva in genere il timore di una pressione al ribasso. Ma in alcune attività dell'economia svizzera, gli stranieri ...
16.02.2019
Svizzera

L'immigrazione è aumentata nel 2018 (nonostante l'entrata in vigore dell'iniziativa contro l'immigrazione di massa)

Nel 2018, oltre 140'000 persone sono immigrate in Svizzera, l'1,7% in più rispetto all'anno precedente. Questo nonostante l'entrata in vigore della...
15.02.2019
Svizzera

Guerriglia a Zurigo: scontri tra ultras locali e napoletani

ZURIGO – È la serata dello Zurigo che al Letzigrund sta per scendere in campo contro il Napoli nel match di andata degli ottavi di finale di Europa League. M...
14.02.2019
Sport

"Al Consiglio federale piace farsi prendere in giro dall’Italia? A noi no"

"Sconcerto, ma nessuna sorpresa". La Lega dei Ticinesi, in un comunicato trasmesso ai media, prende posizione sulla risposta del Consiglio federale all'inte...
14.02.2019
Ticino