Svizzera, 23 ottobre 2020

Dalla televisione pubblica svizzera ai guai giudiziari, quinta accusa di stupro per l'islamologo Tariq Ramadan

L'islamologo Tariq Ramadan si trova ora ad affrontare cinque incriminazioni per stupro: dopo due anni di sospensione, i giudici istruttori hanno mantenuto i fatti del 2013-2014 denunciati da una precedente amante Mounia Rabbouj. La donna aveva costretto Ramadan ad ammettere di aver vuto relazioni extraconiugali.

Questo atto d'accusa era stato richiesto nella primavera del 2018 dalla procura di Parigi. Tuttavia, i giudici avevano finora sospeso la decisione sul caso di questa ex escort. Quest'ultima aveva considerato per un po' di tempo di ritirare la sua denuncia.

L'islamologo 58enne, che ritiene essere vittima della vendetta di ex amanti, si è presentato giovedì al tribunale di Parigi per un ulteriore interrogatorio, interrogatorio dove gli sono state notificate le nuove accuse, come riporta l'agenzia stampa AFP tramite i suoi avvocati.

"Non c'è nessun elemento nuovo, è un atto d'accusa formale per poter organizzare il confronto nel prossimo futuro", hanno detto all'AFP gli avvocati dell'uomo. In questa sezione, "non è la parola di Tariq Ramadan contro quella di questa donna, è questa donna contro le sue stesse serie e coerenti menzogne", hanno aggiunto.

Rabbouji, oggi 47enne, aveva presentato una denuncia nel marzo 2018 contro l'intellettuale musulmano, accusandolo di averla violentata nove volte in Francia, a Londra e a Bruxelles dal 2013 al 2014.

All'epoca, nel marzo 2018, Tariq Ramadan negava ancora qualsiasi relazione extraconiugale. Era stato posto in custodia cautelare fin dalla sua incriminazione del 2 febbraio per le prime due denunce: quelle di Henda Ayari e di una donna non identificata soprannominata "Christelle". Le due donne lo avevano accusato di stupro nel 2012 a Parigi e nel 2009 a Lione, rispettivamente.

A sostegno della sua versione, Mounia Rabbouj aveva consegnato un vestito macchiato con lo sperma di Ramadan. E nel giugno 2018, quest'ultimo ha finalmente ammesso le relazioni adulterie con questa donna e le ex amanti che avevano testimoniato.

La sua difesa aveva prodotto più di 300 video e più di 1'000 foto di natura erotica o pornografica per dimostrare una relazione "dominante/dominata", alimentata da rapporti "vivaci" ma "complici" e consensuali. I magistrati decisero allora di non incriminarlo.

Per quanto riguarda Mounia Rabbouj, dopo un primo interrogatorio ravvicinato con i giudici nel luglio 2018, aveva esitato a ritirare il suo reclamo. Sui social network, ha detto di essere stata influenzata dai suoi primi avvocati, che l'avrebbero spinta a sporgere denuncia per stupro quando voleva solo denunciare la violenza e l'umiliazione.

"La parola stupro mi spaventa", ha detto lo scorso luglio in una seconda udienza in due anni, in cui ha mantenuto la sua denuncia. "La violenza c'era sempre stata. Nei gesti, nei fatti, nelle parole (...) è stato davvero difficile", ha detto al giudice, secondo l'udienza riportata sempre da AFP.

Oltre alle tre donne sopracitate, Ramadan era inoltre stato incriminato dallo scorso febbraio per il presunto stupro di due donne, nel 2015 e nel 2016, una delle quali ha presentato una denuncia.

Rilasciato dal carcere nel novembre 2018 dopo dieci mesi di carcere, Tariq Ramadan è ora sottoposto a un controllo giudiziario da parte delle autorità francesi. Può lasciare la Francia, ma solo per ottemperare alla convocazione della giustizia svizzera. Da questa parte del confine, le inchieste per stupro sono state avviate nel 2018 a Ginevra, dove si dovrà recare all'inizio di novembre.

Tariq Ramadan, lo ricordiamo, prima che emersero le accuse nei suoi confronti era un ospite regolare della televisione pubblica svizzera, in particolare la romanda RTS. Spesso intervistato quale esperto di islam, l'uomo residente a Ginevra e laureato a Oxford lanciava spesso appelli affinchè la Svizzera e l'Europa "aprissero le porte" ai migranti, definiti da lui una "manna economica". Controverso in Francia ancora prima che finisse nei guai giudiziari degli ultimi anni, Tariq è il fratello di Hani Ramadan, un'islamista che era stato espulso dalla Francia e rimpatriato in Svizzera nel 2017 "per aver adottato un comportamento e fatto affermazioni che rappresentano una grave minaccia per l'ordine pubblico". I due sono nipoti del fondatore dei Fratelli musulmani in Egitto.


Guarda anche 

Coronavirus, la situazione in Svizzera

In Svizzera, nelle ultime 24 ore, sono stati registrati 4'786 nuovi contagi da coronavirus. Un dato – fa sapere l'Ufficio federale della sanità pubbl...
02.12.2020
Svizzera

Rubens per l'Avvento e altre news al m.a.x. museo

Care amiche e cari amici, il mese di dicembre riserva tante piacevoli sorprese a tutti gli amanti dell'arte e della cultura! Fra gli eventi collaterali alla...
02.12.2020
Ticino

Lite a Bellinzona, due uomini in fuga

Il Ministero pubblico e la Polizia cantonale comunicano che oggi poco prima delle 8 vi è stata una lite in un appartamento di uno stabile in Piazza del Sole a Bell...
02.12.2020
Ticino

Coronavirus in Ticino: la situazione attuale

Il sito del Cantone ha appena fornito l’aggiornamento odierno dei dati sull’emergenza Coronavirus. Alle 8:00 di oggi, mercoledì 2 dicembre, s...
02.12.2020
Ticino