Svizzera, 05 ottobre 2020

Nemmeno il PS è entusiasta dell'accordo quadro, "se non viene firmato non è una tragedia"

Nemmeno il Partito Socialista, che, insieme ai Verdi, è probabilmente il partito più pro-UE in Svizzera, sembra essere entusiasta dell'accordo istituzionale con l'Unione europea. Secondo il presidente uscente del PS Christian Levrat, che si esprime nelle colonne del "NZZ am Sonntag", se l'accordo istituzionale dovesse fallire, non sarebbe "la fine del mondo".

Levrat ritiene che la situazione debba ora essere chiarita rapidamente: le trattative con Bruxelles devono essere concluse o interrotte. Il Consiglio federale dovrebbe comunque insistere a Bruxelles affinché le misure di accompagnamento siano garantite "senza se e senza ma".

Se l'UE non agisce e l'accordo quadro fallisce, non sarebbe l'ideale, ma non sarebbe nemmeno una "tragedia". Gli accordi bilaterali dovrebbero poi essere sviluppati solo in settori di reciproco interesse.

“Il PS è in linea di principio favorevole a un accordo quadro con l'UE. Ma questo può essere fatto solo se la Svizzera riceve garanzie nei settori della protezione dei salari, del servizio pubblico e della direttiva sulla cittadinanza”, dice Levrat.

“Il PS è un 'partito europeo' e si impegna a favore dell'integrazione europea. Tuttavia, non vi è alcuna base per ulteriori tentativi di avvicinarsi all'UE”, aggiunge il friborghese, per cui “l'UE non è molto più progressista della Svizzera in campo sociale”.

Ci sono sviluppi in campo finanziario e fiscale. Ma Bruxelles ha problemi di migrazione, di coesione e, in alcuni Paesi, di stato di diritto. Finché l'UE non farà progressi sociali ed ecologici, non è il momento di fare ulteriori passi avanti, ritiene il presidente dei socialisti.

Christian Levrat si dimetterà dalla presidenza del PS tra due settimane e al suo posto il partito sarà diretto dai consiglieri nazionali Mattea Meyer (ZH) e Cédric Wermuth (AG). In un'intervista rilasciata giovedì scorso al Tagesanzeiger, i due hanno dichiarato di essere in linea con la posizione del politico friburghese: "Senza un chiarimento giuridico completo, l'accordo quadro non può essere sostenuto".

Guarda anche 

"In Europa i musulmani trattati come gli ebrei negli anni 30", continua la rissa verbale tra Erdogan e Macron

Continua la “rissa verbale” tra il presidente turco Recep Erdogan e i capi di stato europei, in primis Emmanuel Macron, in un contesto sempre più teso ...
27.10.2020
Mondo

"L'accordo quadro è un trattato di sottomissione"

L'UDC, riunito sabato in assemblea online, non vuole un accordo quadro con l'Unione europea e lo combatterà con tutte le sue forze. I delegati hanno infatt...
25.10.2020
Svizzera

Tutti in curva senza mascherina e senza distanze: la Uefa pronta a intervenire

RENNES (Francia) – Ne avevamo parlato anche noi in settimana, chiedendoci qual è il giusto comportamento da adottare negli stadi: se chiudere le porte agli s...
25.10.2020
Sport

Ci risiamo: il Covid ferma i campionati, ma in Europa si va avanti

PRAGA (Rep. Ceca) – Nella giornata di ieri la FTC ha deciso di sospendere fino al 12 novembre ogni competizione, campionato o coppa che sia: una decisione che era o...
22.10.2020
Sport