Svizzera, 11 settembre 2020

"Ridurre le riserve esagerate delle casse malati per abbassare i premi"

Il continuo aumento dei premi delle casse malati è dovuto alle riserve "esagerate" degli assicuratori malattia. È quanto sostiene il Consigliere nazionale Lorenzo Quadri, che in un'interpellanza indirizzata al Consiglio federale auspica che queste riserve vadano riviste al ribasso. Come sottolinea il parlamentare leghista, le riserve delle casse malati a fine 2019 sfioravano i 10 miliardi di franchi, ben oltre le riserve minime di 4,2. Cresciute ancora rispetto al 2018, quando erano poco più di 8 miliardi. Quadri di fronte a questo ennesimo aumento ha deciso di chiedere spiegazioni al Consiglio federale, anche perchè a partire dal prossimo anno i premi dovrebbero aumentare ancora.

Inoltre, secondo Quadri, dietro alle riserve delle casse malati vi sarebbe anche un giallo: “Il dato sulle riserve 2019, pubblicato brevemente sulla banca dati dell’Ufficio federale di sanità pubblica, risulta ora misteriosamente ‘sparito’”, scrive il deputato leghista. “In effetti, è scelta dell’UFSP pubblicare i dati delle riserve solo dopo la conferenza stampa
sui nuovi premi di cassa malati. Non si vede altra spiegazione per una simile prassi, tutt’altro che trasparente, se non la volontà di evitare una discussione sulle riserve - e quindi sul reale stato finanziario degli assicuratori e sulla fondatezza degli aumenti di premio - prima che vengano resi noti i premi dell’anno successivo”.

Di conseguenza Quadri al Consiglio federale chiede se non è intenzione del Consiglio federale attivarsi affinché le riserve in eccesso degli assicuratori malattia vengano restituite ai cittadini e se conferma l'informazione secondo cui a fine 2019 le riserve degli assicuratori malattia ammontavano a 10 miliardi di Fr, a fronte di un minimo stabilito in 4.2 miliardi e, se sì, come valuta il CF un esubero di tale entità, in continua crescita, e come intende intervenire.

Infine viene chiesto come mai all’UFSP è prassi pubblicare i dati delle riserve solo dopo la conferenza stampa sui premi per l’anno a venire e se il CF ritiene che questa prassi sia trasparente o se invece è preferibile cambiarla.


Guarda anche 

Imposta preventiva: un Sì che giova a lavoro e gettito

Il prossimo 25 settembre saremo chiamati a votare sull’abolizione dell’imposta preventiva sulle obbligazioni. Non si tratta di una questione che riguarda p...
19.09.2022
Opinioni

Il Consiglio degli Stati non vuole toccare le riserve delle casse malati

Nel 2021, il Consiglio nazionale aveva accolto una mozione di Lorenzo Quadri che chiedeva al Consiglio federale di modificare l'Ordinanza sulla sorveglianza dell&#...
14.09.2022
Svizzera

"Perchè la Posta delocalizza posti di lavoro qualificati in Portogallo?"

Con un comunicato stampa trasmesso oggi la Posta ha annunciato la sua intenzione di voler aprire un "centro di sviluppo IT" in Portogallo, dove assumerà ...
13.09.2022
Svizzera

"La Convenzione del 1974 sulla fiscalità dei frontalieri va disdetta entro fine anno"

Di fronte ai continui rinvii della firma sul nuovo accordo fiscale con l'Italia l'unica soluzione, per la Svizzera, è di disdire unilateralmente la Conv...
12.09.2022
Svizzera