Svizzera, 05 settembre 2019

Schengen, chiesti 100 milioni di franchi supplementari

La Svizzera dovrà investire 100 milioni di franchi supplementari per una serie di progetti per rafforzare il controllo delle frontiere esterne dell'area Schengen. Il Consiglio federale ha trasmesso una richiesta in tal senso al Parlamento mercoledì.

Questi progetti, nei quali l'UE dedicherà miliardi di euro nei prossimi anni, mirano a rafforzare la cooperazione delle autorità competenti di ciascuno Stato membro in materia di sicurezza e migrazione avranno come obiettivo di "agevolare le attività di polizia, asilo e migrazione in Svizzera".

Saranno adattati i sistemi di informazione esistenti, in particolare il sistema d'informazione Schengen (SIS), il sistema di informazione visti (VIS), la banca dati europea sulla dattiloscopia, (Eurodac) e il sistema di informazioni avanzato dei passeggeri (API).

Saranno inoltre sviluppati nuovi programmi. Da un lato, il sistema europeo di informazioni e autorizzazioni di viaggio (ETIAS) e il sistema di ingressi / uscite (EES). ETIAS sarà la controparte europea dell'ESTA statunitense, ovvero la possibilità di richiedere un'autorizzazione di viaggio per soggiorni di breve durata per le persone che non necessitano di un visto Schengen. Dovrebbe essere introdotto entro il 2023. Le autorità giudiziarie saranno in grado di accedere ai dati ETIAS.

L'EES compilerà elettronicamente dal 2022 i dati biometrici di cittadini di paesi terzi che viaggiano verso l'area Schengen per un breve soggiorno all'entrata e all'uscita. Il timbro apposto manualmente nel documento di viaggio verrà abbandonato. Questo strumento dovrebbe consentire di calcolare automaticamente la durata dei soggiorni e di individuare più facilmente persone in situazione di irregolarità nell'area Schengen.

Un altro obiettivo è garantire l'interoperabilità dei programmi, collegarli l'uno con l'altro in modo da facilitare la consultazione dei dati e aumentare l'efficienza. Le forze di sicurezza dovrebbero essere in grado di farsi rapidamente un'idea chiara della situazione accedendo, con una singola richiesta, a tutte le informazioni pertinenti archiviate in diversi database.

Il Dipartimento di giustizia e polizia (DFGP) prevede costi complessivi di 121,7 milioni di franchi per l'attuazione di questi sviluppi per il periodo dal 2020 al 2025. Secondo il DFGP questo invenstimento "fornirà benefici propri e contribuirà ai costi sotto forma di beni e servizi".

Nel suo messaggio, il Consiglio federale propone pertanto un credito di 98,7 milioni di franchi, da liberare in due rate. La Confederazione fornirà inoltre personale per un costo di 23 milioni. Attualmente la Svizzera spende 50 milioni di franchi all'anno in costi operativi e di contributo per Schengen e Dublino.


La direzione di questi progetti, per quanto attiene la Svizzera, sarà assunto dal DFGP e "la Svizzera può prendere parte alle decisioni con diritti di partecipazione più ampi di quelli previsti dall'accordo di associazione di Schengen" secondo il Consiglio federale.  

Guarda anche 

"La Svizzera accolga almeno il 2% dei migranti trasportati dalle ONG"

Una mozione presentata al Consiglio nazionale da rappresentanti eletti di tutti i gruppi parlamentari, ad eccezione dell'UDC, propone che la Svizzera accolga almeno i...
19.09.2019
Svizzera

Swiss Championship of Poker: Un record elvetico al Casinò di Lugano

La quinta edizione dello Swiss Championship of Poker che si è tenuta al Casinò di Lugano nelle ultime due settimane è stato un vero e proprio torneo ...
17.09.2019
Ticino

Gran Bretagna e Italia: con l’UE “relazioni pericolose”

Praticamente costituito, seppur con non poche difficoltà, il suo organo esecutivo, l’UE sta affrontando in questi giorni la tortuosa Brexit del Regno Unit...
16.09.2019
Mondo

In aumento i richiedenti l'asilo dalla Turchia, "vogliamo andare in Europa e ci causeremo guai" (VIDEO)

È notizia di ieri che il numero di domande d'asilo presentate da cittadini turchi è aumentato in modo significativo negli ultimi anni, in particolare da...
16.09.2019
Mondo