Svizzera, 28 giugno 2019

L'UE non rinnova l'equivalenza borsistica alla Svizzera, scatta il piano B

L'Unione europea non rinnoverà l'equivalenza borsistica concessa temporaneamente alla Svizzera fino alla fine di giugno. Il consigliere federale Ignazio Cassis ha confermato questa decisione giovedì alla radio SRF. La Confederazione ha quindi messo in atto una contromisura, il cosidetto piano B (vedi articoli correlati). Le banche e gli intermediari finanziari con sede nell'Unione europea non potranno più trattare direttamente con azioni quotate alla Borsa svizzera a partire dal primo luglio.

"L'attuazione della misura sarà accompagnata e monitorata da vicino dalle autorità svizzere", fa sapere il DFF. Una soluzione temporanea? Ignazio Cassis ha espresso la speranza che queste misure saranno solo una soluzione temporanea. Il capo del Dipartimento degli affari esteri parla di un malinteso, con l'Unione europea che accusa la Svizzera di prendere tempo. "Non possiamo semplicemente decidere come Consiglio federale e dire che le cose stanno così e non altrimenti", ha aggiunto Cassis. Bruxelles come condizione per l'estensione dell'equivalenza pretende dei progressi nelle discussioni sull'accordo quadro tra l'UE e la Svizzera, accordo che non è ancora stato approvato dal Berna.  

Guarda anche 

"In Europa i musulmani trattati come gli ebrei negli anni 30", continua la rissa verbale tra Erdogan e Macron

Continua la “rissa verbale” tra il presidente turco Recep Erdogan e i capi di stato europei, in primis Emmanuel Macron, in un contesto sempre più teso ...
27.10.2020
Mondo

Tutti in curva senza mascherina e senza distanze: la Uefa pronta a intervenire

RENNES (Francia) – Ne avevamo parlato anche noi in settimana, chiedendoci qual è il giusto comportamento da adottare negli stadi: se chiudere le porte agli s...
25.10.2020
Sport

Ci risiamo: il Covid ferma i campionati, ma in Europa si va avanti

PRAGA (Rep. Ceca) – Nella giornata di ieri la FTC ha deciso di sospendere fino al 12 novembre ogni competizione, campionato o coppa che sia: una decisione che era o...
22.10.2020
Sport

Dai 16'000 spettatori di San Pietroburgo, ai 5'000 di Rennes ai 1'000 di Berna: ma chi ha ragione?

BERNA – Nella giornata di ieri si sono disputate le prime partite della prima giornata della fase a gironi di Champions League e, oltre a risultati sorprendenti e a...
21.10.2020
Sport