Svizzera, 17 aprile 2019

Accordo quadro, nuove negoziazioni in vista?

Il Consiglio federale potrebbe dover condurre ulteriori negoziati con Bruxelles per migliorare l'accordo istituzionale negoziato con l'UE. Dopo una decisione analoga alla sua controparte del Consiglio degli Stati, la commissione per l'economia del Consiglio nazionale ha deciso di presentare una mozione in tal senso.

Il governo sarebbe incaricato di condurre negoziati complementari con l'UE o di adottare altre misure appropriate per migliorare l'accordo istituzionale. Con delle maggioranze molto chiare, la commissione ha fatto sua tre richieste già contenute nella mozione dell'omologa commissione del Consiglio degli Stati.

Il punto su cui il governo dovrebbe agire riguarda in primo luogo la protezione dei salari. L'attuale livello di protezione salariale deve essere perlomeno garantito e, se possibile, esteso. Le parti sociali devono essere coinvolte nei miglioramenti richiesti.

Anche la direttiva sulla cittadinanza è anche nel mirino della commissione. La ripresa della cittadinanza europea deve essere espressamente esclusa. Né dovrebbe essere possibile per la Svizzera assumere la presente direttiva indirettamente attraverso procedimenti individuali dinanzi alla Corte di giustizia dell'UE.

Infine, la commissione chiede che gli aiuti di Stato attualmente praticati in Svizzera continuino a essere possibili. Il necessario spazio di manovra in questo ambito deve essere quindi mantenuto anche in futuro.

Deciderà il parlamento

La mozione della Commissione del Consiglio degli Stati prevede ulteriori richieste: garantire che i cittadini svizzeri continuino ad avere l'ultima parola nonostante la ripresa automatica della legislazione europea da parte della Svizzera e una definizione più chiara della risoluzione delle controversie.

Entrambe le Camere decideranno su queste mozioni durante la sessione estiva. Se vengono accettate, il governo dovrà rinegoziare sulla base dei punti comuni a entrambi i testi, secondo quanto riferiscono i servizi del Parlamento.

Commissione insoddisfatta dall'Accordo quadro

Con 8 voti favorevoli, 7 contrari e 9 astensioni, la commissione ha anche deciso di indirizzare un documento di posizione al Consiglio federale. In questo documento la commissione afferma di essere sì a favore di relazioni stabili tra la Svizzera e l'UE, ma è insoddisfatta del progetto di accordo istituzionale nella sua forma attuale.

La commissione vuole che siano rispettate le linee rosse stabilite in particolare per la protezione dei salari e gli aiuti di Stato. Nel settore della libera circolazione delle persone, deve essere garantito il mantenimento e lo sviluppo delle misure di accompagnamento.

Guarda anche 

A 19 anni perde la patente e si fa sequestrare la lamborghini

Non è durata molto la licenza di condurre di un giovane residente nel canton San Gallo. Durante la sera di domenica scorsa, la polizia è stata allertata ...
17.05.2022
Svizzera

Partenza a tutto gas: la Svizzera è tutt’altra cosa rispetto a Pechino

HELSINKI (Finlandia) – L’incubo della sconfitta subita a Pechino per 5-3, il facile successo ottenuto contro l’Italia, giocando anche a un ritmo molto b...
16.05.2022
Sport

Festa Lugano, Ticino in trionfo: il Crus nella storia

BERNA – “Ci credevo dallo scorso 2 settembre. Questo era l’obiettivo”. Parole e musica di Mattia Croci-Torti che ha così commentato ieri la...
16.05.2022
Sport

Lugano, è tutto vero! La Coppa Svizzera è tua!

BERNA – Era il sogno, neanche tanto nascosto, degli ultimi due mesi. Era l’obiettivo che il Lugano, i suoi tifosi e tutto il Canton Ticino avevano messo nel m...
15.05.2022
Sport