Svizzera, 02 aprile 2019

L'accordo quadro equivale a una "cancellazione della Svizzera"

L'accordo quadro con l'Unione europea equivale a "cancellare la Svizzera", secondo l'UDC, ultimo dei partiti di governo a prendere posizione in merito al trattato negoziato con Bruxelles. Mina la democrazia diretta, l'indipendenza, la neutralità e il federalismo e minaccia la prosperità del paese.

Il "no" dell'UDC all'accordo istituzionale, o accordo quadro, è noto da molto tempo. Lunedì, tuttavia, la formazione ha pubblicato la sua risposta ufficiale alla consultazione sull'argomento lanciata dalla Confederazione. Elenca in quindici punti le ragioni per le quali il progetto dovrebbe, secondo i democentristi, essere rifiutato.

Questo accordo porta la Svizzera in modo insidioso nell'UE, sostiene l'UDC. Il segno sarebbe "punto di vista della politica di scioccante", a causa della forte ripresa del diritto europeo e "arrendersi alla giurisdizione UE," implica, entrambi costituiscono "violazioni esistenziali" della Costituzione svizzero.

Certezza del diritto minacciata

Per l'UDC, non è vero che l'accordo quadro aumenta la certezza del diritto. La Svizzera farebbe affidamento sulla legislazione UE, scrive il partito, e non è chiaro quali leggi UE dovrebbe riprendere. Una tale situazione metterebbe seriamente a repentaglio la certezza del diritto.

Le politiche economiche, l'immigrazione, il trasporto, la regolamentazione del mercato del lavoro, la politica agricola e l'accesso alla previdenza sociale sarebbero decise "in gran parte da Bruxelles" invece che dalla Svizzera. "Non è sostenibile", sottolinea il primo partito svizzero. Quest'ultimo ha nuovamente chiesto l'approvazione di accordi bilaterali negoziati nell'interesse reciproco di entrambe le parti.

Estensione della libera circolazione

Un accordo quadro estenderebbe la libera circolazione, contro la volontà popolare espressa nel 2014 con l'accettazione dell'iniziativa UDC sull'immigrazione di massa, ha detto il partito.

L'UE vuole anche smantellare il sistema svizzero di protezione salariale e non esclude la ripresa della direttiva sulla cittadinanza europea, cosa che il mandato negoziale del Consiglio federale escludeva esplicitamente.

Per l'UDC l'accordo è incompatibile con l'attuazione della sua iniziativa sull'espulsione di criminali stranieri. Con l'accordo quadro, i criminali condannati dall'UE non potrebbero più essere espulsi, avverte.

Il partito considera anche inaccettabile la clausola ghigliottina che pesa su tutti gli accordi bilaterali. Anche il divieto di aiuti di stato mette a repentaglio il federalismo e l'autonomia dei cantoni e dei comuni. Ne risentirebbero la promozione economica, gli investimenti in energia idroelettrica o la garanzia statale per le banche cantonali.

Un piano contro le ritorsioni

L'UDC chiede infine al Consiglio federale un piano nel caso in cui l'UE attuerebbe una rappresaglia economica contro la Svizzera in caso di un "no" della Svizzera all'accordo quadro.

Come detto, l'UDC è l'ultimo partito di governo a esprimersi sulla consultazione di questo accordo. Il partito socialista, pur dicendosi alla base d'accordo, ha espresso molti dubbi in merito e chiesto chiarimenti su diversi punti.

Come i socialisti, il PPD vuole mantenere la protezione dei salari a tutti i costi. Chiede inoltre che la direttiva sulla cittadinanza europea sia esclusa dall'accordo e che venga chiarito il ruolo della Corte di giustizia europea. Il PLR richiede un chiarimento, ma sostiene "un sì della ragione" all'accordo.

Guarda anche 

"In Europa i musulmani trattati come gli ebrei negli anni 30", continua la rissa verbale tra Erdogan e Macron

Continua la “rissa verbale” tra il presidente turco Recep Erdogan e i capi di stato europei, in primis Emmanuel Macron, in un contesto sempre più teso ...
27.10.2020
Mondo

"L'accordo quadro è un trattato di sottomissione"

L'UDC, riunito sabato in assemblea online, non vuole un accordo quadro con l'Unione europea e lo combatterà con tutte le sue forze. I delegati hanno infatt...
25.10.2020
Svizzera

Tutti in curva senza mascherina e senza distanze: la Uefa pronta a intervenire

RENNES (Francia) – Ne avevamo parlato anche noi in settimana, chiedendoci qual è il giusto comportamento da adottare negli stadi: se chiudere le porte agli s...
25.10.2020
Sport

Ci risiamo: il Covid ferma i campionati, ma in Europa si va avanti

PRAGA (Rep. Ceca) – Nella giornata di ieri la FTC ha deciso di sospendere fino al 12 novembre ogni competizione, campionato o coppa che sia: una decisione che era o...
22.10.2020
Sport