Mondo, 21 marzo 2019

Libertà sul web, sciopero di Wikipedia contro la direttiva UE sui diritti d'autore

Tedeschi, cechi e danesi che desiderano consultare questo giovedì Wikipedia dovranno portare pazienza per 24 ore. In effetti, i tre siti sono in sciopero e altre pagine della celebre enciclopedia online potrebbero unirsi alla protesta. In causa, una legge in discussione al parlamento europeo che porterebbe a regole severe sulla condivisione di contenuti online (vedere articoli correlati).

Gli amministratori hanno deciso di bloccare le loro pagine per protestare contro la direttiva europea sui diritti d'autore che sarà votata il 25 marzo. L'enciclopedia online è contraria all'articolo 11, ma in particolare al controverso articolo 13. Questo implica l'istituzione di un sistema di filtraggio per impedire automaticamente il caricamento online di contenuti soggetti a copyright.

Un'esenzione è prevista per i progetti non commerciali, quindi anche per Wikipedia e i suoi progetti correlati. Ad essere colpiti dalla nuovalegge in particolare gli utenti di YouTube che vivono di introiti pubblicitari mentre utilizzano spesso contenuti o musica che non appartengono a loro, spiega il sito Numerama. La Wikimedia Foundation lo sa ma ha scelto di non combattere solo per i suoi interessi.



"La riforma prevista potrebbe comportare una considerevole limitazione della libertà del web", spiega Wikipedia sul suo sito tedesco. "Anche le piattaforme più piccole dovrebbero impedire la violazione dei diritti d'autore da parte dei loro utenti (articolo 13), che in pratica sarebbe possibile solo attraverso filtri di download che potrebbero portare a errori e abusi" lui continua.

Inoltre, "tutti i siti web dovrebbero acquisire licenze per brevi estratti di testi di prodotti per la stampa al fine di conformarsi a un nuovo copyright (articolo 11)", critica Wikipedia. Entrambi potrebbero minare significativamente la libertà di espressione, la libertà delle arti e la libertà di stampa, afferma l'enciclopedia online.

La legge in discussione ha suscitato preoccupazione in particolare nei paesi tedescofoni (Germania, Austria e perfino in Svizzera) con manifestazioni che hanno interessato le principali città tedesche nelle ultime settimane. Nel resto del continente, curiosamente, la legge, nonostante la sua notevole portata, sembra essere quasi del tutto ignorata. Quali conseguenze possa avere tale legge per la Svizzera quale paese non UE, non è ancora chiaro.

Guarda anche 

Le fa una foto mentre dorme e poi si chiude in bagno: Chiara Ferragni denuncia una molestia

LOS ANGELES (USA) – Pochi giorni fa Chiara Ferragni è volata a New York per la prima del suo docufilm “Chiara Ferragni Unposted”, ma in aereo &eg...
17.11.2019
Magazine

Miliardo di coesione all'UE a un passo dall'approvazione

L'approvazione del miliardo di coesione all'UE si avvicina. La commissione di politica estera del Consiglio nazionale ha infatti raccomandato alla camera bassa di...
13.11.2019
Svizzera

Politico polacco riceve fattura del telefono salata, ora chiede all'UE di abolire il roaming con la Svizzera

Il roaming, si sa, può portare brutte sorprese a chi viaggia all'estero e non fa attenzione. Lo ha scoperto anche Radoslaw Sikorski, un ex ministro degli ester...
11.11.2019
Svizzera

Lugano, se non segni non vinci. Ma la crescita è evidente

SAN GALLO – La matematica non ha ancora chiuso le porte europee al Lugano, ma ora i bianconeri per sognare un passaggio del turno in Europa League devono centrare i...
08.11.2019
Sport