Svizzera, 18 marzo 2019

Ha debiti per milioni di franchi, ma non può essere espulso

Nonostante debiti milionari una famiglia francese residente nel canton Vallese non può essere espulsa. Il tribunale federale ha annullato una decisione in tal senso da parte delle autorità vallesane. Arrivato in Svizzera nel 2004, il padre ha lavorato per un'azienda del Vallese per un decennio prima di diventare amministratore unico di una società di investimento. In quattro anni, ha accumulato procedimenti penali per un totale di 1,2 milioni di franchi e atti di insolvenza di proprietà per quasi mezzo milione. Già nel 2015, le autorità vallesane avevano rifiutato di estendere il permesso di soggiorno per la famiglia. La decisione è stata in seguito confermata dal tribunale cantonale del Vallese.

Con la sua decisione odierna il Tribunale federale ha invece annullato questa decisione. In una sentenza pubblicata lunedì, ha mantenuto li permessi di domicilio e di soggiorno della famiglia ricorrente.

Invocando l'accordo sulla libera circolazione delle persone, i giudici di Mon Repos ricordano che il diritto di rimanere
in Svizzera concesso ai cittadini dell'UE può essere limitato solo per motivi di ordine pubblico, sicurezza e salute pubblica, motivi che devono essere interpretate in modo restrittivo.

Di conseguenza, la nozione di ordine pubblico presuppone una minaccia reale di una certa gravità che incide su un interesse fondamentale della società. Nella sua giurisprudenza, l'Alta Corte è particolarmente severa nel caso di reati di droga, atti di violenza, reati sessuali, atti terroristici o criminalità organizzata, tra gli altri.

In questo caso, il padre non è stato oggetto di alcuna condanna penale, dice il Tribunale federale. Tenendo conto solo della sua situazione finanziaria catastrofica, la giustizia del Vallese ha violato gli accordi bilaterali.

Questa situazione dimostra solo che il ricorrente non è in grado di soddisfare i suoi obblighi finanziari. Ma, secondo i giudici losannesi, non rappresenta una seria minaccia per un interesse fondamentale della società.

(sentenza 2C_479/2018)

Guarda anche 

"Accogliere i migranti di Moria significa incoraggiare la distruzione di altri centri profughi"

Il Consigliere nazionale Lorenzo Quadri in un'interpellanza al Consiglio federale chiede che la Svizzera non accolga migranti dall'isola di Lesbo per "non in...
16.09.2020
Svizzera

Baranzini: "La libera circolazione non ha favorito i cantoni di frontiera"

Il prossimo 27 settembre saremo chiamati a esprimerci sulla libera circolazione delle persone con l'Unione europea, un accordo in vigore da ormai 13 anni e che ha avu...
15.09.2020
Svizzera

"No alla libera circolazione incontrollata della manodopera estera"

L’Organizzazione per il Lavoro in Ticino (TiSin) con un comunicato trasmesso ai media prende posizione sull'iniziativa detta “di limitazione” dicend...
10.09.2020
Svizzera

"Il governo conti i danni provocati dalla libera circolazione"

Quantificare i danni provocati dalla libera circolazione in Ticino. È quello che chiede il gruppo parlamentare della Lega dei ticinesi in un'interrogazione di ...
08.09.2020
Ticino