Mondo, 26 febbraio 2019

Uno studio smonta l'euro, "dalla sua introduzione a guadagnarci solo Germania e Olanda"

La moneta unica dell'eurozona, l'euro, ha rappresentato un serio freno alla crescita economica di quasi tutti i membri del blocco, secondo uno studio del think tank tedesco, il Center for European Politics (CEP).

A beneficiare dell'euro sarebbero stati solamente la Germania e i Paesi Bassi. La moneta unica ha innescato il boom del credito e degli investimenti estendendo i benefici del basso tasso di interesse tedesco in tutti i paesi dell'eurozona. Tuttavia, questi debiti sono diventati difficili da sostenere dopo la crisi finanziaria del 2008, con Grecia, Irlanda, Spagna, Portogallo e Cipro costretti a chiedere aiuti finanziari mentre la crescita rallentava e l'accesso ai finanziamenti diventava scarso.

Secondo il CEP, per tutto il periodo dal 1999, i tedeschi sono diventati, mediamente, più ricchi di 23'000 euro dall'introduzione dell'euro mentre gli olandesi sono più ricchi di 21'000 euro. Diversamente, italiani e francesi sono diventati più poveri di 74'000 euro e 56'000 euro, rispettivamente.



Il problema dell’euro, si afferma nello studio, riguarda in particolare la competitività e le disuguaglianze sociali. Quello della competitività, in particolare, è un problema che sembra non solo irrisolto ma anche irrisolvibile poiché, secondo il CEP, “i singoli paesi non possono più svalutare la propria valuta per rimanere competitivi a livello internazionale”. Una perdita di competitività che ha condotto “a una minore crescita economica, a un aumento della disoccupazione e al calo delle entrate fiscali. La Grecia e l’Italia, in particolare, stanno attualmente attraversando gravi difficoltà a causa del fatto che non sono in grado di svalutare la propria valuta”.

Lo studio ha concluso che, poiché i paesi perdenti non potevano più ripristinare la loro competitività svalutando le loro valute, hanno dovuto raddoppiare le riforme strutturali. La Spagna è stata evidenziata come un paese che è sulla buona strada per cancellare il deficit di crescita che aveva accumulato dall'introduzione dell'euro. Dal 2011 l'adesione all'euro ha comportato una riduzione della prosperità. Le perdite hanno raggiunto il loro picco nel 2014. Da allora, sono diminuiti costantemente ", ha detto il rapporto, aggiungendo: "Le riforme che sono state realizzate stanno dando i loro frutti".

Guarda anche 

"La tassa militare è discriminatoria", la Svizzera condannata dalla CEDU

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) si è pronunciata a favore di un cittadino svizzero ritenuto inabile al servizio che si era opposto alla tassa mil...
12.01.2021
Svizzera

"I media e i democratici stanno lanciando una nuova 'guerra al terrore'"

Alcune delle stesse persone che stavano dietro la "Guerra al Terrore" lanciata sulla scia degli attentati alle torri gemelli del 2001 stanno ora aiutando a iniz...
11.01.2021
Mondo

Odgaard: dal Lugano alla Serie B?

LUGANO – Al momento l’ufficialità del suo addio alla maglia bianconera non è ancora arrivata, ma l’avventura luganese di Jens Odgaard dovr...
08.01.2021
Sport

In 18 al party di Natale: scoppia lo scandalo in Premier

LONDRA (Gbr) – Tra variante inglese e Covid “normale”, l’Inghilterra negli ultimi giorni ha fatto registrare un nuovo boom di contagi. C’&eg...
04.01.2021
Sport