Svizzera, 12 gennaio 2019

Ueli Maurer in visita in Austria, "per l'accordo quadro meglio aspettare le elezioni"

Parlando alla stampa con il presidente austriaco Alexander Van der Bellen, il presidente della Confederazione ha ricordato che la Svizzera e l'UE stanno eleggendo i loro parlamenti quest'anno.

"Se abbiamo la pazienza di esaminare (questi problemi) dopo le elezioni, con nuove persone, potrebbe non essere una cattiva soluzione. Dal nostro punto di vista, non ci sarà mai nulla di buono sotto pressione perché abbiamo solo bisogno di più tempo ", ha detto, riferendosi all'ultimatum di Bruxelles.

Ci vuole tempo

Il consigliere federale UDC ha chiesto comprensione per il sistema decisionale elvetico, che ha paragonato alla ruminazione delle mucche. Ha riconosciuto, tuttavia, che la pazienza di Bruxelles è stata severamente testata.

A metà dicembre, la Commissione europea ha esteso l'equivalenza della borsa svizzera di sei mesi per dare alla Confederazione il tempo di decidere come procedere con l'accordo quadro. Da parte sua, il Consiglio federale ha avviato un'ampia consultazione sul progetto di testo, senza prendere posizione. Il governo farà il punto della situazione in primavera.

Non c'è una maggioranza

Astenendosi dal parlare di "rinegoziazione", un termine respinto dall'UE, Maurer ha sottolineato che "sono emerse molte domande" durante la consultazione. "Dovremo parlare di questa riluttanza", ha detto, perché attualmente il risultato non ha una maggioranza in Svizzera.

Secondo lui, c'è il rischio di "piatti rotti", se Bruxelles decidesse che l'attuale progetto è "prendere o lasciare".

Il capo del Dipartimento federale delle finanze (DFF) ha anche messo in guardia contro la pressione sulla borsa svizzera. Se l'Unione europea non dovesse riconoscere l'equivalenza del mercato azionario, il rischio sarebbe di sprofondare in una "guerra economica" ha affermato.

"Non dobbiamo cadere in questi vicoli ciechi" ha aggiunto, deplorando che attualmente non ci siano contatti personali con Bruxelles.

Non paragonabile al Brexit

Da parte sua, il presidente austriaco ha espresso il sostegno del suo paese alla bozza di accordo quadro e alla sua comprensione della posizione svizzera. Ha pregato "un po 'di pazienza", sperando di poter parlare dell'argomento a "inizio 2020". Alla fine, ha osservato, "non è come il Brexit" dove, senza soluzione, ci ci si trova nel vuoto.

Il sig. Van der Bellen, interrogato dall'agenzia di stampa dell'APA, "si è naturalmente rammaricato" del rifiuto della Svizzera di aderire all'UE. Ha sottolineato, tuttavia, che Berna e Vienna hanno condiviso le stesse posizioni su molte questioni, come la questione climatica.

Il presidente austriaco ha ricevuto in tarda mattinata Ueli Maurer con gli onori militari. Il presidente della Confederazione ha incontrato in seguito il suo omologo austriaco Hartwig Löger, prima di un incontro programmato con il cancelliere Sebastian Kurz.

Guarda anche 

Per Cassis la Svizzera non è una priorità: grazie PLR!

“Non mi sentirete mai dire Switzerland first”. Chi ha pronunciato questa frase? Il manager straniero di una multinazionale? Un soldatino o una soldatina del P...
05.08.2019
Svizzera

Cassis: "Da me non sentirete mai dire che la Svizzera viene per prima"

"Da me non sentirete mai dire Switzerland First": lo afferma il consigliere federale Ignazio Cassis in un intervista pubblicata domenica dal SonntagsBlick, seco...
05.08.2019
Svizzera

Il marito della "zingaraccia" che ha minacciato Salvini: "Ho rubato sì, ma agli svizzeri"

"A Salvini andrebbe tirato un proiettile in testa" è il proposito poco amichevole, ripreso da "Il Giornale", di una zingara residente in Italia...
04.08.2019
Mondo

Svizzera, l’hockey riempie il cuore: per calcio e tennis non c’è gloria

LUGANO – Che l’hockey fosse lo sport nazionale per antonomasia lo si sapeva, che per gli altri sport non ci fosse praticamente storia, però era diffici...
04.08.2019
Sport