Svizzera, 26 ottobre 2018

Dal Consiglio degli Stati un "sì" risicato al miliardo di coesione (con il voto decisivo di Filippo Lombardi)

Il Consiglio degli Stati si mostrerà verosimilmentemolto diviso sulla questione pagamento da parte della Svizzera di un nuovo "miliardo di coesione" all'Unione europea. La sua commissione per la politica estera ha infatti raccomandato di accettare il progetto del Consiglio federale solo grazie al voto decisivo del presidente Filippo Lombardi..

La commissione da una parte riconosce che non esiste un legame formale tra contributo di coesione, equivalenza di mercato e negoziazione di un accordo quadro istituzionale con l'UE. Tuttavia, a suo avviso, un legame politico tra i tre oggetti è stato creato in realtà dal rifiuto dell'Unione di concedere alla Svizzera l'equivalenza di mercato illimitata in relazione all'accordo quadro.

La commissione però sostiene di non volere "gettare olio sul fuoco". Con 8 voti favorevoli e 4 contrari, ha rifiutato di sospendere il pagamento di un nuovo contributo di coesione fino a quando la Svizzera non avrà ottenuto un'equivalenza illimitata dalla borsa di Bruxelles. Il Comitato delle istituzioni politiche del Consiglio degli Stati aveva formulato questa richiesta in un rapporto congiunto.

Per la maggioranza della commissione, sarebbe inopportuno stabilire un legame formale "ingiustificato" tra equivalenza borsistica, accordo quadro e contributo di coesione. Ritieni inoltre che sarebbe un segnale negativo all'indirizzo dell'UE, mentre è prioritario ristabilire un rapporto di fiducia tra le due parti.

Nel contesto dell'esame dettagliato del progetto, il voto decisivo del presidente Lombardi è stato nuovamente decisivo per respingere una proposta che richiedeva il versamento del contributo solo se si notano chiari segni di miglioramento nelle relazioni bilaterali e l'UE non adotta misure discriminatorie nei confronti della Svizzera. La richiesta era in linea con una co-relazione del Comitato finanziario. La questione passa ora al Consiglio nazionale, che si chinerà sull'oggetto durante il primo trimestre del 2019.

Il Consiglio federale aveva chiesto al Parlamento di liberare per l'UE 1,302 miliardi di franchi in dieci anni. La maggior parte di questa somma (1,047 miliardi) mira a ridurre le disparità economiche e sociali nell'Europa allargata mentre altri $ 190 milioni sarebbero destinati alla della migrazione. 

(Fonte: 20minutes.ch)

Guarda anche 

Clima, quasi la metà degli svizzeri si dice pronto a prendere meno l'aereo

Quasi la metà degli svizzeri si dice pronto a rinunciare almeno in parte all'aereo per ridurre il proprio impatto ambientale. Lo afferma un sondaggio condotto ...
17.06.2019
Svizzera

Xhaka… ancora con l’Aquila? Perseverare può essere controproducente

PRISTINA (Kosovo) – La scorsa estate il Mondiale della Svizzera ha fatto parlare non tanto per l’eliminazione subita – guarda caso – agli ottavi d...
17.06.2019
Sport

Cassis contro la SSR, "il DFAE ha pubblicato informazioni false"

Jean-Marc Crevoisier, capo della comunicazione del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), aveva presentato reclamo al ombusdamn della SSR Roger Blum per il mod...
17.06.2019
Svizzera

Presto dei docenti robot nelle scuole svizzere?

Presto nelle scuole svizzere ci saranno dei robot a insegnare, a sostegno dei docenti. Ne è convinto Beat Zemp, presidente centrale della federazione Docenti svizz...
15.06.2019
Svizzera