Svizzera, 26 ottobre 2018

Dal Consiglio degli Stati un "sì" risicato al miliardo di coesione (con il voto decisivo di Filippo Lombardi)

Il Consiglio degli Stati si mostrerà verosimilmentemolto diviso sulla questione pagamento da parte della Svizzera di un nuovo "miliardo di coesione" all'Unione europea. La sua commissione per la politica estera ha infatti raccomandato di accettare il progetto del Consiglio federale solo grazie al voto decisivo del presidente Filippo Lombardi..

La commissione da una parte riconosce che non esiste un legame formale tra contributo di coesione, equivalenza di mercato e negoziazione di un accordo quadro istituzionale con l'UE. Tuttavia, a suo avviso, un legame politico tra i tre oggetti è stato creato in realtà dal rifiuto dell'Unione di concedere alla Svizzera l'equivalenza di mercato illimitata in relazione all'accordo quadro.

La commissione però sostiene di non volere "gettare olio sul fuoco". Con 8 voti favorevoli e 4 contrari, ha rifiutato di sospendere il pagamento di un nuovo contributo di coesione fino a quando la Svizzera non avrà ottenuto un'equivalenza illimitata dalla borsa di Bruxelles. Il Comitato delle istituzioni politiche del Consiglio degli Stati aveva formulato questa richiesta in un rapporto congiunto.

Per la maggioranza
della commissione, sarebbe inopportuno stabilire un legame formale "ingiustificato" tra equivalenza borsistica, accordo quadro e contributo di coesione. Ritieni inoltre che sarebbe un segnale negativo all'indirizzo dell'UE, mentre è prioritario ristabilire un rapporto di fiducia tra le due parti.

Nel contesto dell'esame dettagliato del progetto, il voto decisivo del presidente Lombardi è stato nuovamente decisivo per respingere una proposta che richiedeva il versamento del contributo solo se si notano chiari segni di miglioramento nelle relazioni bilaterali e l'UE non adotta misure discriminatorie nei confronti della Svizzera. La richiesta era in linea con una co-relazione del Comitato finanziario. La questione passa ora al Consiglio nazionale, che si chinerà sull'oggetto durante il primo trimestre del 2019.

Il Consiglio federale aveva chiesto al Parlamento di liberare per l'UE 1,302 miliardi di franchi in dieci anni. La maggior parte di questa somma (1,047 miliardi) mira a ridurre le disparità economiche e sociali nell'Europa allargata mentre altri $ 190 milioni sarebbero destinati alla della migrazione. 

(Fonte: 20minutes.ch)

Guarda anche 

Lo Young Boys è favorito ma il Lugano è vicinissimo

LUGANO - Nuovo sondaggio, stavolta sulla Super League e sul Bellinzona. Con i nostri esperti, la maggioranza dei quali non ha dubbi: Young Boys ancora favorito al ti...
22.07.2024
Sport

Un Lugano garibaldino coglie la prima vittoria

LUGANO - Dopo un primo tempo in cui il Lugano ha stentato a trovare il proprio ritmo, i bianconeri hanno dominato il secondo tempo, iniziando la stagione con una vit...
21.07.2024
Sport

Lugano, arriva il GC. E l’Inter fa ben sperare

LUGANO – È un Lugano che punta in alto, che sogna in grande e che ha voglia di far vivere un’altra stagione indimenticabile ai propri tifosi, quello ch...
19.07.2024
Sport

Ciao Svizzera: Shaqiri saluta la Nazionale

LUGANO – La notizia non giunge del tutto inaspettata, ma ora è diventata ufficiale: dopo 14 anni, Xherdan Shaqiri non vestirà più la maglia del...
15.07.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto