Svizzera, 02 ottobre 2023

Serafe manda solleciti per fatture vecchie di anni

La società di riscossione del canone radiotelevisivo Serafe invia solleciti per fatture impagate vecchie di diversi anni. Già fattasi notare quando aveva iniziato l'attività per disservizi di tutti i tipi, l'azienda ora reclama pagamenti per fatture impagate risalenti agli anni 2019 e 2020. A testimoniare l'accaduto è una lettrice di “20 Minuten”, che di recente una lettera di Serafe che le intimava il pagamento di un totale di 714.60 franchi di arretrati, per fatture risalenti agli anni 2019 e 2020.

Tre anni fa, la lettrice aveva ricevuto due solleciti a cui lei non aveva dato seguito. Dopodiché non l'azeinda non si era più fatta sentire. E ora la società reclama il pagamento di tutte le fatture non pagate (e non inviate) tra allora e adesso: “Prima non si fanno sentire per tanto tempo, e si pensa che tutto vada bene, poi però si riceve un bastonata così dal nulla. Anche mia figlia, che nel frattempo si è trasferita, ha ricevuto una minaccia di recupero crediti. Penso che sia un oltraggio”, ha raccontato la donna al portale svizzerotedesco.



Contattata dalla lettrice, Serafe spiega il motivo di tanto ritardo. “Un'impiegata mi ha detto che c'è stato uno stop ai solleciti a causa del coronavirus, dopodiché hanno ripreso l'attività di recupero e a quel punto è stato il caos. Ora si stanno rimettendo in pari e si dice che molte persone stiano ricevendo solleciti e minacce di recupero crediti per le bollette che a suo tempo non erano state pagate”.

Interpellata da 20 Minuten, l'azienda conferma che nella fase iniziale dell'emergenza pandemica, vi era stata un'interruzione delle procedure di sollecito da marzo a maggio 2020 su raccomandazione del governo federale per proteggere i debitori, ha spiegato il portavoce di Serafe, Erich Heynen.
Heynen si è inoltre scusato, per conto di Serafe, per i ritardi nelle risposte. Tuttavia, ha sottolineato, le fatture in sospeso devono comunque essere saldate. “Le fatture sono giustificate così come i conseguenti solleciti”.

Guarda anche 

Non pagavano la Serafe, a casa loro si presentano quattro poliziotti

Sfuggire al pagamento del canone radiotelevisivo riscosso dalla Serafe non è facile. Qualsiasi persona o impresa che sia dotata di un apparecchio che può ac...
03.11.2023
Svizzera

La Serafe ha quasi mezzo miliardo di franchi di riserve, verso una diminuzione del canone?

L'azienda Serafe, che dal 2019 si occupa della riscossione del canone radiotelevisivo in Svizzera, ha annunciato un fatturato di 1,399 miliardi di franchi per l...
21.04.2022
Svizzera

TAF giudica nuova legge sul canone anticostituzionale, chiesti cambiamenti

Il sistema di riscossione del canone radioTV è contrario alla Costituzione, perché crea disuguaglianze troppo grandi. Il Tribunale amministrativo federale i...
14.12.2019
Svizzera

Presto un aumento di 50 franchi del canone radiotv?

Il canone radiotelevisivo verrà aumentato di 50 franchi all'anno? È il rischio paventato da associazioni dei consumatori, secondo cui abolire la tassa a...
01.07.2019
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto