Svizzera, 02 giugno 2023

“Pedaggio al Gottardo: un balzello che rende il Ticino meno svizzero”

Negli scorsi mesi, dopo l'ennesima Pasqua contraddistinta da lunghe code all'entrata del San Gottardo, alcuni politici hanno rilanciato la proposta di far pagare un pedaggio agli automobilisti che intendono utilizzare il tunnel che separa il Ticino dal canton Uri. Una proposta a cui il Consigliere nazionale Lorenzo Quadri si oppone e che lo ha spinto ad inoltrare al Consiglio federale un'interpellanza in cui pone una serie di domande al Consiglio federale. Secondo Quadri, l'introduzione di un pedaggio al San Gottardo sarebbe “penalizzante” per il canton Ticino e lo renderebbe un cantone di “serie B” e “meno svizzero”, ciò che sarebbe deleterio per la coesione nazionale e il federalismo. Inoltre, per l'esponente leghista, un pedaggio avrebbe come conseguenza che molti automobilisti sceglierebbero strade alternative, intasando così, oltre al passo del San Gottardo, anche strade secondarie e centri abitati.



Al Consiglio federale viene inoltre chiesto se concorda che un sistema di pedaggi e prenotazioni renderebbe necessaria la creazione di aree di sosta ma che di spazi disponibili non ve ne sono. Quadri chiede inoltre al CF se ritiene coerente che decine di migliaia di frontalieri e padroncini stranieri possano entrare quotidianamente in Ticino a costo zero, mentre cittadini svizzeri residenti in altri cantoni dovrebbero pagare per avere lo stesso diritto. Viene poi chiesto al CF se concorda che un pedaggio al Gottardo si tradurrebbe in una tassa sul turismo in Ticino e sesarebbe disposto a valutare la fattibilità di un pedaggio che interessi unicamente i veicoli stranieri in transito parassitario attraverso il traforo del Gottardo, ovvero quelli che partono da paesi esteri diretti verso paesi esteri, senza generare indotto economico sul territorio ticinese.

Guarda anche 

"La Svizzera applichi il modello Ruanda del Regno Unito"

La Svizzera deve applicare il “modello Ruanda”, recentemente messo in pratica dal Regno Unito. È quanto chiede una mozione del Consigliere nazionale de...
28.05.2024
Svizzera

Due iniziative sanitarie da respingere

Se per frenare l’esplosione dei costi della salute, e di conseguenza dei premi di cassa malati, bastasse stabilire un budget globale e poi tutto si aggiusta da solo...
25.05.2024
Svizzera

Cassa pensioni dello Stato: stiamo gettando miliardi in un pozzo senza fondo

L’allora direttore del DFE Dick Marty negli anni Novanta definì la Cassa pensioni dello Stato (IPCT) “la Rolls Royce delle casse pensioni”. E per...
17.05.2024
Ticino

Se non passa la “riformetta” saranno più tasse per tutti

A suon di slogan populisti e di cifre farlocche, i tassaioli rossoverdi hanno iniziato la loro campagna contro la riformetta fiscale da 45 milioni all’anno. Riforme...
11.05.2024
Ticino

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto