Svizzera, 27 dicembre 2022

Dei Consiglieri nazionali vogliono vietare il velo islamico nelle scuole svizzere

La consigliera nazionale Marianne Binder (Centro/AG) vuole vietare il velo nelle scuole, una misura sostenuta da altri parlamentari. Vedono il velo come una discriminazione nei confronti delle ragazze interessate. Secondo Binder, il velo non è un segno di libertà religiosa, ma piuttosto un'espressione di sottomissione e discriminazione delle ragazze musulmane. Non è la prima volta che la consigliera nazionale argoviese prende di mira il velo nelle scuole e negli asili, e la deputata del Centro intende finalmente raggiungere il suo obiettivo.

In un'interpellanza, chiede al Consiglio federale di esaminare la possibilità di un divieto. Non è così semplice, perché la Costituzione garantisce la libertà di religione. È proprio per questo motivo che la deputata del Centro vuole chiarire se la legge religiosa non debba essere subordinata alla legge statale.

A suo avviso, a tutti i bambini devono essere garantiti gli stessi diritti e libertà e la protezione dell'infanzia. “Nelle nostre istituzioni educative deve essere garantito il libero sviluppo di tutti i bambini senza velo", sottolinea Binder nella sua interpellanza. Invocare la libertà di credo e di coscienza per giustificare la subordinazione non può essere nello spirito della Costituzione.

Secondo lei il velo viene imposto alle ragazze il più delle volte dai genitori. Inoltre, la scuola deve difendere lo stato di diritto e quindi la libertà e l'uguaglianza dei diritti per tutti, afferma. "Ecco perché non si dovrebbe permettere alle ragazze musulmane di indossare il velo, che è sessista e discriminatorio. Perché, secondo Marianne Binder, "ostacola lo sviluppo e la libertà di movimento delle ragazze e contraddice l'obiettivo educativo della parità di diritti e opportunità".



Anche se solo una piccola minoranza è colpita, non deve essere ignorata", afferma l'autrice. Non si tratta di diritti speciali contro le minoranze, ma di diritti per una minoranza.

La misura ha già ricevuto il sostegno di diversi altri parlamentari, stando al Blick. Tra questi, il presidente del suo partito Gerhard Pfister, Jacqueline de Quattro (PLR/VD), Philipp Bregy (Centro/VS), nonché la leader del Partito evangelico svizzero Lilian Studer e la consigliera nazionale Esther Friedli (UDC/SG).

Finora il Consiglio federale si è opposto a tale misura. Il Dipartimento di Giustizia e Polizia, responsabile della questione, non ha ritenuto necessario legiferare. In passato, la Confederazione ha ritenuto che l'istruzione era una questione di competenza dei Cantoni.

Il Consiglio federale è convinto che questo approccio federalista abbia funzionato complessivamente molto bene, "soprattutto in considerazione delle grandi differenze confessionali e culturali tra i Cantoni e del loro approccio alla religione segnato dalle tradizioni locali". Tali soluzioni, adattate a ciascun caso, possono effettivamente ottenere risultati migliori rispetto a un divieto nazionale di indossare il velo nelle scuole.

Guarda anche 

Una Commissione vuole sopprimere le rendite AVS per i figli

Le rendite per figli nell'AVS potrebbero scomparire. Questo è almeno l'auspicio della Commissione per la sicurezza sociale e la sanità pubblica del ...
21.01.2024
Svizzera

In Parlamento fallisce (per ora) il ritorno del nucleare

La costruzione di impianti solari ed eolici deve essere accelerata e le possibilità di ricorso limitate. Il Consiglio nazionale ha accettato giovedì con 137...
22.12.2023
Svizzera

Il Consiglio nazionale all'unanimità per vietare Hamas

Dopo il Consiglio degli Stati della settimana scorsa, il Consiglio nazionale ha adottato martedì una mozione della Commissione per la politica di sicurezza che chi...
20.12.2023
Svizzera

Avvocati e imprenditori, ma pochi salariati: il nuovo Consiglio nazionale rispecchia poco la popolazione

In Parlamento siedono molti imprenditori e politici di professione e pochi salariati. Non si tratta di una novità emersa dalle ultime elezioni, dal momento che poc...
28.10.2023
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto