Svizzera, 23 settembre 2022

Arrivano le multe per chi riscalda troppo la casa?

Tre settimane fa, il Consiglio federale aveva presentato il suo piano d'azione contro il rischio di carenza energetica. Per evitare un blackout, le famiglie sono state messe in prima linea in questa nuova battaglia. Gli svizzeri sono stati invitati a impostare i loro radiatori a un massimo di 19 gradi.

Invitati o costretti? Questa è la domanda. I Cantoni hanno accolto con favore le misure proposte dal Consiglio federale. Ma chiedono chiarimenti su chi sarà responsabile del monitoraggio e delle sanzioni.

In una lettera al Consiglio federale, di cui la stampa ha ottenuto una copia, i Cantoni chiedono criteri chiari e validi per tutto il territorio nazionale: cosa si può e si vuole monitorare? Cosa si può e si vuole monitorare e cosa si può solo raccomandare? I cantoni stessi temono un mosaico di misure diverse in varie parti del Paese, come era successo durante il Covid.



Sebbene la lettera sia stata inviata dalla Conferenza dei direttori cantonali dell'energia, essa riflette l'opinione generale dei Cantoni: i direttori cantonali della polizia, delle finanze e dell'economia sostengono le richieste, così come i vari esecutivi cantonali.

In concreto, i Cantoni vorrebbero rendere possibile l'emissione di multe a chi viola queste misure. In questo modo sarebbe più facile punire i reati minori. Il governo di Basilea avverte nel suo documento di posizione che i procedimenti penali sono molto più burocratici, sproporzionati e troppo impegnativi per la polizia e la magistratura.

Il Cantone di Lucerna sottolinea inoltre che è "giuridicamente discutibile" che i controlli vengano effettuati all'interno degli edifici "senza alcun sospetto concreto". Nella loro lettera congiunta, i Cantoni criticano anche la mancanza di chiarezza dei regolamenti. Le aziende, i cantoni e i comuni hanno bisogno di chiari indicatori delle prossime fasi delle misure, in modo da potersi preparare, affermano.

In generale, il Consiglio federale è invitato a raddoppiare gli sforzi di pianificazione. Con il recente blocco delle forniture di gas russo, il deterioramento della situazione delle forniture potrebbe presto diventare un dato di fatto, temono i responsabili dell'energia. È quindi necessario un piano generale, anche per la fornitura di energia elettrica, il prima possibile.

Guarda anche 

Baume-Schneider alla Giustizia, Rösti al DATEC

È stata resa nota la distribuzione dei dipartimenti dopo l'elezione della socialista giurassiana Elisabeth Baume-Schneider e dell'UDC bernese Albert Rö...
08.12.2022
Svizzera

Albert Rösti e Elisabeth Baume-Schneider eletti in Consiglio federale

Il bernese Albert Rösti e la giurassiana Elisabeth Baume-Schneider sono stati eletti quali successori dei consiglieri federali Ueli Maurer e Simonetta Sommaruga. Se ...
07.12.2022
Svizzera

Il dilemma di Berset: cambiare dipartimento o lasciare il governo

Le elezioni dei successori di Ueli Maurer e Simonetta Sommaruga in Consiglio federale sono entrate nella fase più calda. I candidati del PS Eva Herzog e Elisabe...
02.12.2022
Svizzera

Negozi spenti e temperature massime per le lavatrici, il CF presenta le restrizioni in caso di penuria di energia

Il rischio di una carenza di energia questo inverno hanno spinto il Consiglio fedearle a elaborare un piano in più fasi per far fronte alle possibili conseguenz...
24.11.2022
Svizzera