Svizzera, 24 agosto 2022

Allievi vodesi "pedinati" sul tragitto casa-scuola con un microchip

Gli allievi di alcuni comuni vodesi nel tragitto casa-scuola dovranno indossare un badge elettronico che verificherà la loro presenza a bordo del bus scolastico. Come riporta l'emittente RTS in un servizio sul tema, il badge viene inserito nella cintura di sicurezza gialla del TCS. Martedì mattina, il proprietario dell'officina e operatore del trasporto scolastico Grégoire Dupasquier ha rassicurato: "Il badge funziona solo quando il bambino entra nell'autobus".

Per l'operatore dei trasporti, l'uso della tecnologia consente di "eliminare il fattore umano e di avere l'affidabilità di cui abbiamo bisogno". Questo è un sollievo per gli autisti, che dovevano assicurarsi della presenza dei bambini e garantire la sicurezza stradale.

Se da una parte i genitori più inquieti sarebbero rassicurati, altri sono contrari e devono fare una richiesta esplicita per essere esentati.
Sebbene l'implementazione di questo sistema sia stata decisa congiuntamente dalle aziende di trasporto, dai comuni e dalle associazioni dei genitori, alcuni dubitano delle sue conseguenze e dei suoi limiti.



Un membro del comitato dell'associazione dei genitori, Fiona Rossi Cavin, ha confidato alla RTS di avere sentimenti contrastanti. Ha sottolineato il problema della tracciabilità dei dati, ricordando che questo strumento "non può sostituire la responsabilità umana".

Zoe Moody, specialista dei diritti dei bambini, concorda, avvertendo che il dispositivo dovrebbe essere usato con parsimonia. Al di là degli aspetti legali del tracciamento dei dati, l'uso della tecnologia potrebbe entrare in conflitto con le opportunità di apprendimento del bambino. "Alcuni studi sottolineano che questi interventi negli spazi liberi, soprattutto nel tragitto verso la scuola, potrebbero creare una generazione meno attrezzata a gestire lo spazio pubblico", avverte l'accademico ginevrino contattato da RTS.

Sebbene l'utilizzo di questi dispositivi da parte delle scuole sia ancora marginale in Svizzera, questi comuni vodese non sono i primi a usare il tracciamento dei bambini. Il comune lucernese di Kriens ha già dotato 160 alunni di un localizzatore GPS per sorvegliarli nel tragitto da casa a scuola. Questi sviluppi fanno parte di una tendenza internazionale", ha dichiarato Zoe Moody a RTS, "il cui obiettivo è spesso lo stesso: rispondere alle preoccupazioni dei genitori".

Guarda anche 

Non bisogna dire gratuito bensì “finanziato dai contribuenti”

Il Gran consiglio del canton Vaud ha approvato una singolare mozione che vieta l'utilizzo della parola “gratuito” nelle comunicazioni ufficiali del Canton...
29.05.2024
Svizzera

Due sorelle islamiste a processo per aver pianificato un'attentato contro l'ONU

Due sorelle cinquantenni residenti nel canton Vaud saranno processate il ​​7 maggio dal Tribunale penale federale a Bellinzona. Le due sono accusate di aver pianifica...
01.05.2024
Svizzera

Sempre più bambini svizzeri hanno "fobia" della scuola

Sempre più bambini si rifiutano di andare a scuola, non per pigrizia o mancanza di interesse, ma per paura. L'assenteismo cronico è un problema sempre p...
08.04.2024
Svizzera

Per protestare contro il lupo, depongono le pecore uccise davanti alla sede del Governo

"Siamo stufi, vogliamo che il lupo venga ucciso", racconta un macellaio di Oulens, nel canton Vaud. “Non possiamo vivere insieme, il nostro territorio &eg...
07.04.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto