Svizzera, 08 luglio 2022

Condannato per torture e rapimento dopo essere stato riconosciuto in un centro asilanti

Il tribunale distrettuale di Bülach ha condannato un eritreo di 27 anni a 7 anni e mezzo di carcere per aver partecipato a un brutale rapimento avvenuto nel 2015 in Sudan. All'epoca, sei donne erano state sequestrate da un gruppo armato, rinchiuse, violentate, picchiate e minacciate per sette mesi e poi rilasciate dopo il pagamento di vari riscatti. Due delle vittime hanno poi trovato rifugio in Europa, tra cui una in Svizzera. Incredibilmente, nel 2018, aveva riconosciuto l'uomo per puro caso in un centro per richiedenti asilo a Zurigo e lo aveva denunciato.

Dopo quattro anni in cui il tribunale cantonale e quello distrettuale di Bülach si sono rimpallati la competenza legale, il tribunale regionale ha confermato un primo verdetto del 2020. L'imputato è stato quindi giudicato colpevole di aver partecipato al sequestro di ostaggi e dovrà scontare una pena di sette anni e mezzo di carcere. Il pubblico ministero aveva richiesto una pena detentiva di dodici anni.



Durante il rapimento, l'imputato processato in Svizzera avrebbe fatto da interprete tra i rapitori di lingua araba e le donne eritree per negoziare i riscatti dalle famiglie. Avrebbe anche violentato le vittime e incitato gli aggressori ad abusare dei loro ostaggi.

Dopo un ricorso della difesa dell'imputato, il Tribunale cantonale di Zurigo ha chiesto che il caso fosse riesaminato in prima istanza, poiché le due testimoni donne non erano state ascoltate dai giudici. Le due vittime erano presenti in aula martedì e si sono confrontate per la prima volta con l'imputato. Entrambi lo hanno identificato di nuovo formalmente.

L'accusato ha parlato di un malinteso fin dall'inizio del caso, sostenendo di non aver mai incrociato le due denuncianti. Secondo la difesa dell'imputato, l'accusa si era basata solo sulle dichiarazioni delle donne: "Le vie di fuga dei tre non si sono mai incrociate", ha criticato l'avvocato dell'imputato. Dubita che le donne siano state realmente rapite. Nonostante abbiano sostenuto di essere state torturate con il fuoco, non sono state trovate cicatrici, ha aggiunto. Per questo l'avvocato aveva richiesto l'assoluzione, senza successo

Guarda anche 

Riceve 1'800 franchi di multa per aver segnalato dei radar e dei controlli di polizia

Tra febbraio e maggio 2021, un uomo allora 29enne residente a Winterthur (ZH) aveva annunciato cinque controlli di velocità e del traffico da parte della polizi...
29.09.2022
Svizzera

Condannato per frode, non viene espulso perchè il suo QI è troppo basso

La lista di crimini di un 25enne kosovaro recentemente comparso in tribunale a Winterthur è lunga. Il suo fascicolo è lungo 77 pagine, che descrivono pri...
28.09.2022
Svizzera

Un'intera famiglia a processo per traffico di stupefacenti

Una famiglia di sei cittadini kosovari è accusata di essere coinvolta in un'importante traffico di droga tra il 2014 e il 2018. Durante il primo giorno di udie...
27.09.2022
Svizzera

Manda i figli nel suo paese d’origine e poi chiede gli assegni familiari

Manda i suoi paese in Bosnia e poi li iscrive al controllo abitanti per ricevere le prestazioni assistenziali. Nel settembre 2019, dopo la partenza per la Bosnia dei suoi...
27.09.2022
Svizzera