Svizzera, 09 giugno 2022

Per il Nazionale, i richiedenti l'asilo respinti e i clandestini devono poter lavorare e studiare

Il Consiglio nazionale ha approvato ieri due mozioni che mirano a permettere i richiedenti l'asilo in attesa di espulsione e coloro che soggiornano illegalmente in Svizzera a lavorare e studiare.

La prima mozione è stata accettata con 102 voti favorevoli e 80 contrari ed è stata presentata dal deputato ticinese del Centro Fabio Regazzi. Nella sua mozione Regazzi scrive che i richiedenti sono generalmente in Svizzera da diversi anni, che spesso hanno completato un corso di formazione professionale e che svolgono un'attività lavorativa che li rende finanziariamente indipendenti. Tuttavia, non appena viene presa la decisione di espellerli, il loro permesso di lavoro viene revocato e sono quindi a carico dei Cantoni. In alcuni casi, tuttavia, l'espulsione non è possibile perché le persone interessate provengono da Paesi ad alto rischio e il loro rimpatrio forzato non è consentito. Questi richiedenti rimangono poi in Svizzera per anni senza poter lavorare, anche se sono qualificati e le loro competenze sono richieste sul mercato del lavoro, ha sottolineato il deputato del Centro. Consentendo loro di svolgere un'attività lavorativa remunerata, si manterrà la loro indipendenza finanziaria e si alleggerirà così l'assistenza sociale.

Il Consiglio federale si era opposto alla mozione "che
va contro il principio secondo cui tutte le persone che hanno ricevuto una decisione negativa devono lasciare il Paese", ha spiegato il ministro della Giustizia Karin Keller-Sutter. Sono in gioco la credibilità e la coerenza della politica di asilo. Consentire ai richiedenti asilo respinti di continuare a lavorare fino alla loro effettiva partenza li renderebbe meno inclini a lasciare la Svizzera in modo puntuale e indipendente, soprattutto quando il Paese di origine o di provenienza non accetta l'allontanamento forzato, ha sostenuto Keller-Sutter.

Il Consiglio nazionale ha anche accettato con 111 voti contro 73 una mozione della sua commissione che chiedeva che i richiedenti l'asilo respinti e coloro che soggiornano illegalmente in Svizzera possano seguire più facilmente una formazione professionale. Secondo la mozione, la legislazione attuale è troppo restrittiva.

Sia l'UDC che il Consiglio federale si sono opposti alla mozione, invano. "Permettere loro di rimanere nonostante il rifiuto della domanda potrebbe inviare un segnale sbagliato ai richiedenti respinti", ha sostenuto Barbara Steinemann (UDC/ZH). Secondo Karin Keller-Sutter, si creerebbe una disparità di trattamento rispetto agli altri stranieri che rispettano le regole. In ogni caso, per entrambe le mozioni gli Stati avranno l'ultima parola.

Guarda anche 

Presto servirà la carta d'identità per accedere alla pornografia online?

Il Consiglio nazionale ha approvato una mozione di Nik Gugger (PEV/ZH) che chiede che per accedere a contenuti pornografici online sia necessario identificarsi per verifi...
18.09.2022
Svizzera

Sono tornati gli asilanti italiani

A metà mese, come di consuetudine, la SEM pubblica le statistiche sulle domande d’asilo. I più recenti dati, relativi al mese di giugno, indicano u...
17.07.2022
Svizzera

Condannato per torture e rapimento dopo essere stato riconosciuto in un centro asilanti

Il tribunale distrettuale di Bülach ha condannato un eritreo di 27 anni a 7 anni e mezzo di carcere per aver partecipato a un brutale rapimento avvenuto nel 2015 ...
08.07.2022
Svizzera

Circa 2'000 ucraini hanno trovato un lavoro in Svizzera dall'inizio della guerra

Dall'inzio del conflitto in Ucraina a metà febbraio oltre 58'000 ucraini sono arrivati in Svizzera. Secondo gli ultimi dati disponibili della Segreteria...
03.07.2022
Svizzera