Svizzera, 10 maggio 2022

Il Parlamento dei rifugiati accusa la Svizzera di razzismo, "discriminati rispetto agli ucraini"

Da metà febbraio circa 45'000 ucraini hanno ottenuto il permesso "S". Con questo permesso, gli ucraini possono vivere in Svizzera per almeno un anno, lavorarci e ricevere assistenza sociale se necessario.

Condizioni che molti altri richiedenti l'asilo in Svizzera invidiano. È "lodevole" che questo status sia stato attivato per la prima volta per gli ucraini, secondo i rifugiati che si sono incontrati domenica a Berna nell'ambito del Parlamento svizzero dei rifugiati. Ma il permesso S dovrebbe essere applicato anche ai richiedenti asilo provenienti da altri paesi in guerra, come la Siria e l'Afghanistan, hanno chiesto al ministro della giustizia Karin Keller-Sutter.

"Non capiamo perché la Svizzera non tratti allo stesso modo tutte le persone bisognose di protezione e le vittime della guerra", si legge in un comunicato. La Confederazione ha giustificato la differenza con la durata del soggiorno in Svizzera: gli ucraini, si dice, vorrebbero tornare a casa il più presto possibile. Questo argomento è stato respinto da questo Parlamento, e persino descritto come discriminatorio. "I rifugiati ucraini non sono gli unici a cercare un aiuto temporaneo! Gli altri vorrebbero anche tornare al loro paese d'origine in sicurezza e partecipare alla sua ricostruzione il più presto possibile", dicono i suoi membri.

Accusano quindi la Svizzera di razzismo: "Siamo perplessi e rattristati da questa disparità di trattamento e ciò solleva delle domande. Se non è discriminatorio o razzista, come può essere qualificato?"

Il Parlamento dei rifugiati ha riunito domenica 90 persone provenienti da 16 cantoni e 10 paesi. Diversi rappresentanti eletti hanno partecipato a questa sessione, tra cui la consigliera di Stato ginevrina Lisa Mazzone (Verdi) e il consigliere nazionale Mustafa Atici (PS/BS). Il Parlamento dei Rifugiati è sostenuto dall'UNHCR Svizzera, dall'Organizzazione svizzera per l'aiuto ai rifugiati (OSAR), dalla comunità eritrea intorno all'Eritheischer Medienbund, da Education for All Now! e da altre organizzazioni di aiuto ai migranti.

Guarda anche 

Pompieri guidano con le sirene accese per un'operazione pubblicitaria, vengono condannati

Quando si fa parte di un servizio d'emergenza, come la polizia, i pompieri o autisti di ambulanze, le sirene dovrebbero essere usate solo si tratta effettivamente di ...
27.04.2022
Svizzera

Richiedente l'asilo aggredisce e uccide la moglie durante una lite

Poco dopo le 2 di domenica, la polizia cantonale bernese è stata informata che era scoppiata una lite tra una coppia nel centro di alloggio collettivo di Büre...
25.04.2022
Svizzera

Bloccata un'altra autostrada, questa volta a Berna

Dopo aver bloccato il traffico autostradale la settimana scorsa vicino a Losanna e sul ponte del Monte Bianco a Ginevra, gli attivisti del movimento Renovate Switzerla...
19.04.2022
Svizzera

Allestisce una bancarella per vendere "teste di moro", viene denunciato per razzismo

Qualcuno si ricorderà della polemica scoppiata nell'estate del 2020 quando la Migros decise di ritirare dai suoi scaffali le cosidette "teste di moro&q...
14.04.2022
Svizzera