Svizzera, 10 maggio 2022

Il Parlamento dei rifugiati accusa la Svizzera di razzismo, "discriminati rispetto agli ucraini"

Da metà febbraio circa 45'000 ucraini hanno ottenuto il permesso "S". Con questo permesso, gli ucraini possono vivere in Svizzera per almeno un anno, lavorarci e ricevere assistenza sociale se necessario.

Condizioni che molti altri richiedenti l'asilo in Svizzera invidiano. È "lodevole" che questo status sia stato attivato per la prima volta per gli ucraini, secondo i rifugiati che si sono incontrati domenica a Berna nell'ambito del Parlamento svizzero dei rifugiati. Ma il permesso S dovrebbe essere applicato anche ai richiedenti asilo provenienti da altri paesi in guerra, come la Siria e l'Afghanistan, hanno chiesto al ministro della giustizia Karin Keller-Sutter.

"Non capiamo perché la Svizzera non tratti allo stesso modo tutte le persone bisognose di protezione e le vittime della guerra", si legge in un comunicato. La Confederazione ha giustificato la differenza con la durata del soggiorno in Svizzera: gli ucraini, si dice, vorrebbero tornare a casa il più presto possibile. Questo argomento è stato respinto da
questo Parlamento, e persino descritto come discriminatorio. "I rifugiati ucraini non sono gli unici a cercare un aiuto temporaneo! Gli altri vorrebbero anche tornare al loro paese d'origine in sicurezza e partecipare alla sua ricostruzione il più presto possibile", dicono i suoi membri.

Accusano quindi la Svizzera di razzismo: "Siamo perplessi e rattristati da questa disparità di trattamento e ciò solleva delle domande. Se non è discriminatorio o razzista, come può essere qualificato?"

Il Parlamento dei rifugiati ha riunito domenica 90 persone provenienti da 16 cantoni e 10 paesi. Diversi rappresentanti eletti hanno partecipato a questa sessione, tra cui la consigliera di Stato ginevrina Lisa Mazzone (Verdi) e il consigliere nazionale Mustafa Atici (PS/BS). Il Parlamento dei Rifugiati è sostenuto dall'UNHCR Svizzera, dall'Organizzazione svizzera per l'aiuto ai rifugiati (OSAR), dalla comunità eritrea intorno all'Eritheischer Medienbund, da Education for All Now! e da altre organizzazioni di aiuto ai migranti.

Guarda anche 

I bianconeri di Croci Torti all’assalto della Capitale

BERNA - Mattia Croci Torti e soci provano a suonare la trasferta. Dopo aver vinto a Winterthur, Basilea e Zurigo oggi cercano un nuovo successo lontano dalle mura do...
11.09.2022
Sport

Gli ritirano la patente per la quarta volta per aver sorpassato sulla destra, non potrà più riaverla

Le autorità bernesi hanno ritirato permanentemente la patente di guida a un uomo che aveva sorpassato diversi veicoli sul lato destro di un'autostrada a una...
01.09.2022
Svizzera

Impiegati di UNIA protestano per le loro condizioni di lavoro, "siamo sotto dittatura padronale"

Sindacalisti contro sindacalisti. Il personale della sezione bernese di UNIA critica le condizioni di lavoro del più grande sindacato svizzero. In causa pressio...
29.08.2022
Svizzera

Il lago di Brienz preso d'assalto dai turisti coreani grazie a una serie Netflix

Le sponde meridionali del lago di Brienz, nel canton Berna, in questo periodo sono invase da turisti sudcoreani. Tutti vogliono visitare l'incantevole villaggio di Is...
22.07.2022
Svizzera