Svizzera, 08 febbraio 2022

Credit Suisse accusata di aver riciclato fondi provenienti dal traffico di droga

Credit Suisse, insieme a uno dei suoi consulenti, due cittadini bulgari e un ex dipendente della banca Julius Bär da lunedìsi trovano a processo a partire al Tribunale penale federale di Bellinzona. La procura federale li accusa di aver riciclato denaro proveniente dal traffico di stupefacenti tra il 2004 e il 2007. La rete dei trafficanti passava per Martigny, Ginevra e Montreux. Tra 40 e 70 milioni di franchi svizzeri sarebbero passati attraverso la Svizzera in quel periodo, quando la mafia bulgara era molto attiva nel traffico di cocaina. Secondo quanto riferisce la NZZ, si parla di diverse decine di tonnellate dal Sud America all'Europa.

Questa mafia, il cui capo Evelin Banev è ora in fuga, era riuscita ad infiltrarsi in vari ambienti in Svizzera, in particolare nella scena del wrestling in Vallese. Tuttavia, è una tennista bulgaro che è sul banco degli imputati. La donna era consulente della clientela al Credit Suisse e si occupava dei conti dei suoi compatrioti. Per poter fare causa alla banca, è necessaria una persona fisica. Nella stampa di lingua tedesca, l'ex giocatrice ritiene di dover pagare commessi da altri: "Cosa è successo a tutti i sofisticati banchieri che hanno firmato i contratti all'epoca?" ha detto alla NZZ. 


Il Ministero pubblico intende chiedere alla banca il pagamento di più di 42 milioni di franchi. Questo importo corrisponde ai profitti realizzati con il denaro criminale e ai fondi scomparsi quando l'inchiesta si è avvicinata alla criminalità organizzata bulgara. Credit Suisse, tuttavia, ritiene che questi fondi provengano dalle attività immobiliari di Evelin Banev e Co. La banca "respinge formalmente le accuse che le sono state rivolte in questo caso dal passato ed è anche convinta dell'innocenza del suo ex dipendente". In pratica, sempre stando alla NZZ, gli avvocati della difesa dimostreranno che i fatti conservati dalla Procura sono ormai caduti in prescrizione dopo 15 anni. Tutti gli atti precedenti al 4 marzo 2007 sarebbero in questo caso.

Le prime indagini sono risalgono al 2008. Hanno coinvolto tre procuratori federali e hanno portato a due atti d'accusa di 600 pagine ciascuno. Il processo dovrebbe durare 20 giorni.

Guarda anche 

“In casa Bellinzona tutto appare piuttosto nebuloso”

È fuori dal calcio che conta dal 2008, da quando portò il Bellinzona nella massima serie assieme a Marco Degennaro e Vladimir Petkovic e sfiorò la...
26.06.2022
Sport

Dopo cinque ritiri di patente, un poliziotto rischia il lavoro davanti ai giudici

Sei sanzioni amministrative e cinque ritiri di patente: la carriera di un poliziotto vodese è a rischio dopo l'ennesima infrazione stradale che gli è...
25.06.2022
Svizzera

In tribunale per il divorzio, all'uscita viene aggredito dal figlio della ex

Il divorzio è finito in tribunale e all'uscita si è scatenata una rissa. Martedì scorso, tre persone appartenenti alla stessa famiglia si è...
23.06.2022
Svizzera

Imam di Bienne a processo per commenti odiosi contro altre religioni e frode, rischia carcere e l'espulsione

Lunedì si è aperto a Bienne (BE) il processo contro un predicatore libico accusato di aver fatto commenti odiosi contro cristiani, ebrei e sciiti durante un...
21.06.2022
Svizzera