Svizzera, 08 febbraio 2022

Credit Suisse accusata di aver riciclato fondi provenienti dal traffico di droga

Credit Suisse, insieme a uno dei suoi consulenti, due cittadini bulgari e un ex dipendente della banca Julius Bär da lunedìsi trovano a processo a partire al Tribunale penale federale di Bellinzona. La procura federale li accusa di aver riciclato denaro proveniente dal traffico di stupefacenti tra il 2004 e il 2007. La rete dei trafficanti passava per Martigny, Ginevra e Montreux. Tra 40 e 70 milioni di franchi svizzeri sarebbero passati attraverso la Svizzera in quel periodo, quando la mafia bulgara era molto attiva nel traffico di cocaina. Secondo quanto riferisce la NZZ, si parla di diverse decine di tonnellate dal Sud America all'Europa.

Questa mafia, il cui capo Evelin Banev è ora in fuga, era riuscita ad infiltrarsi in vari ambienti in Svizzera, in particolare nella scena del wrestling in Vallese. Tuttavia, è una tennista bulgaro che è sul banco degli imputati. La donna era consulente della clientela al Credit Suisse e si occupava dei conti dei suoi compatrioti. Per poter fare causa alla banca, è necessaria una persona fisica. Nella stampa di lingua tedesca, l'ex giocatrice ritiene di dover pagare commessi da altri: "Cosa è successo a tutti i sofisticati banchieri che hanno firmato i contratti all'epoca?" ha detto alla NZZ. 


Il Ministero pubblico intende chiedere alla banca il pagamento di più di 42 milioni di franchi. Questo importo corrisponde ai profitti realizzati con il denaro criminale e ai fondi scomparsi quando l'inchiesta si è avvicinata alla criminalità organizzata bulgara. Credit Suisse, tuttavia, ritiene che questi fondi provengano dalle attività immobiliari di Evelin Banev e Co. La banca "respinge formalmente le accuse che le sono state rivolte in questo caso dal passato ed è anche convinta dell'innocenza del suo ex dipendente". In pratica, sempre stando alla NZZ, gli avvocati della difesa dimostreranno che i fatti conservati dalla Procura sono ormai caduti in prescrizione dopo 15 anni. Tutti gli atti precedenti al 4 marzo 2007 sarebbero in questo caso.

Le prime indagini sono risalgono al 2008. Hanno coinvolto tre procuratori federali e hanno portato a due atti d'accusa di 600 pagine ciascuno. Il processo dovrebbe durare 20 giorni.

Guarda anche 

Un ristoratore truffa la Confederazione per 250'000 franchi e rischia l'espulsione

Il proprietario di un ristorante di Lucerna è riuscito a incassare 250'000 franchi tramite aiuti Covid. L'uomo, un 53enne italiano, a partire da marzo 2020...
23.04.2024
Svizzera

Una madre a processo per l'omicidio delle due figlie

Una quarantenne rischia l'ergastolo per aver accoltellato le figlie nel gennaio 2021. Per il Ministero pubblico la donna ha commesso questo atto per vendicarsi del pa...
11.04.2024
Svizzera

“ACB, i tempi cambiano. Facciamocene una ragione”

BELLINZONA - “Ho cominciato a giocare nel Bellinzona a 12 anni. Fu grazie a mio zio, che mi portò al Comunale da Preonzo, il comune dove sono nato e cre...
04.04.2024
Sport

Stupro sul treno: annullato il processo del "palo", che sarà processato come minorenne

Il richiedente l'asilo accusato di aver partecipato allo stupro di una 15enne lo scorso ottobre sarà giudicato dal Tribunale dei minorenni. È quanto ha ...
29.03.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto