Svizzera, 02 febbraio 2022

Falsifica dei documenti per ottenere aiuti sociali, viene assolta

Una donna di 63 anni residente a Zofingen (AG) anni ha confessato di aver falsificato i suoi estratti conto per mesi per continuare a ricevere lo stesso importo di prima dai servizi sociali, anche se nel frattempo riceveva un reddito supplementare.

Quando è stata condannata, la 63enne si è semplicemente opposta all'ordine penale della procura di Zofingen-Kulm perché la multa era troppo alta, come riporta la "Aargauer Zeitung". L'ufficio del pubblico ministero non ha nemmeno inviato un rappresentante alla corte perché era così sicuro che la donna sarebbe stata condanna. Ma il tribunale distrettuale ha sorpreso tutti assolvendo la pensionata.

L'imputata è un'impiegata qualificata che dal gennaio 2019 si trova al beneficio dell'assistenza sociale. Anche se ha sempre trovato lavoro, era pagato solo a ore e solo per poco tempo ogni volta, si legge nella sentenza. "Non potevo pagare tutto, semplicemente non era abbastanza", ha detto l'imputata alla corte. A causa del suo reddito fluttuante, teneva l'ufficio sociale informato delle sue finanze via e-mail.

Ed è proprio così che la pensionata è stata scoperta. Da dicembre 2018 a maggio 2020, ha regolarmente cancellato dai suoi estratti conto i pagamenti degli stipendi derivanti dai suoi impieghi. In questo modo ha ricevuto erroneamente 8048 franchi in eccesso di assistenza sociale. "Ho trasformato il PDF in un documento Word, l'ho modificato e poi l'ho fatto diventare di nuovo un PDF", ha detto la donna. 


Ed è proprio la semplicità della truffa che ha portato il giudice ad assolvere la 63enne. "È chiaro a prima vista che questi non possono essere estratti conto originali", ha continuato.
In particolare, i numeri di conto mancavano e i saldi non corrispondevano agli importi indicati. Inoltre, l'imputato non ha solo cancellato i pagamenti in entrata, ma anche quelli in uscita.

Il presidente del tribunale ha quindi stabilito che l'imputata non poteva essere accusato di frode perché il dipartimento dei servizi sociali non aveva riconosciuto la cattiva gestione delle ricevute bancarie per mesi.

"Il dovere di diligenza minima non è stato rispettato", ha detto il giudice che presiedeva. Pertanto, non è possibile alcuna condanna per la riscossione illegale di prestazioni di assicurazione sociale. "In queste circostanze è un po' scioccante, ma per questioni puramente legali l'imputato deve essere assolto".

La corte ha quindi seguito l'argomentazione della difesa. Secondo la difesa, la finezza o l'intuizione erano condizioni necessarie per una condanna per frode. Questo non era chiaramente il caso in questo caso, secondo il giudice.

Da notare che, secondo quanto si legge nella sentenza, l'imputata era già stata condannata in passato per falsificazione e gravi infrazioni stradali. Anche se è stata assolta, la donna non è ancora fuori pericolo. Il suo caso può ancora essere portato davanti alla Corte Suprema del Cantone.

Guarda anche 

Avevano bloccato il traffico, ecoattivisti vengono assolti: “È libertà d'espressione”

Condannati in prima istanza, un gruppo di ecoattivisti che aveva bloccato il traffico a Losanna è stato assolto da ogni accusa durante il processo di appello. L...
30.09.2022
Svizzera

Riceve 1'800 franchi di multa per aver segnalato dei radar e dei controlli di polizia

Tra febbraio e maggio 2021, un uomo allora 29enne residente a Winterthur (ZH) aveva annunciato cinque controlli di velocità e del traffico da parte della polizi...
29.09.2022
Svizzera

Condannato per frode, non viene espulso perchè il suo QI è troppo basso

La lista di crimini di un 25enne kosovaro recentemente comparso in tribunale a Winterthur è lunga. Il suo fascicolo è lungo 77 pagine, che descrivono pri...
28.09.2022
Svizzera

Manda i figli nel suo paese d’origine e poi chiede gli assegni familiari

Manda i suoi paese in Bosnia e poi li iscrive al controllo abitanti per ricevere le prestazioni assistenziali. Nel settembre 2019, dopo la partenza per la Bosnia dei suoi...
27.09.2022
Svizzera