Svizzera, 15 maggio 2021

Cosa intende fare il Consiglio federale per fermare Nekkaz? "Nulla"

Il Consiglio federale “non ravvisa alcuna necessità di intervenire” per impedire all’imprenditore
franco-algerino Rachid Nekkaz di istigare alla violazione della legge svizzera.

È quanto si legge nella risposta a un’interpellanza presentata dal consigliere nazionale UDC Piero Marchesi dopo che Nekkaz aveva annunciato di voler pagare tutte le multe delle donne che continueranno a indossare il burqa in Svizzera nonostante il divieto approvato in votazione popolare.

Marchesi sosteneva che le dichiarazioni di Nekkaz costituissero “una palese istigazione alla violazione della Costituzione e della legge” e chiedeva quindi al Consiglio federale
cosa intendesse fare.

“Nulla” è la risposta del Consiglio federale, che richiama un precedente atto parlamentare presentato dal consigliere nazionale della Lega Lorenzo Quadri allorquando Nekkaz fece la medesima promessa in Ticino.

Allora il Consiglio federale rispose a Quadri che Nekkaz non poteva essere dichiarato persona non grata in Svizzera. “La fedpol – scriveva il Consiglio federale nel 2016 rispondendo a Quadri - può disporre l'espulsione nei confronti di uno straniero allo scopo di salvaguardare la sicurezza interna o esterna della Svizzera. Un reato punito con la sola multa non soddisfa però queste condizioni”.

Guarda anche 

Sono 14 i docenti frontalieri alla SUPSI

Sono 14 i docenti frontalieri della SUPSI. Lo scrive il Consiglio di Stato nella sua risposta all’interrogazione presentata dal deputato della Lega Massimiliano Rob...
12.06.2021
Ticino

Richiedenti l'asilo in paesi extraeuropei, "la Svizzera segua l'esempio della Danimarca"

Perchè la Svizzera non segue l'esempio della Danimarca? Il paese nordico ha approvato settimana scorsa una legge per aprire centri di accoglienza per i migrant...
07.06.2021
Svizzera

Bignasca chiede di vedere i conti delle Commissioni paritetiche: "No, sono top secret"

Le Commissioni paritetiche dispongono di ingenti mezzi finanziari, grazie alle trattenute dalle buste paga di lavoratrici e lavoratori e ai contributi obbligatori versati...
29.05.2021
Ticino

Il Consiglio federale esclude una moratoria sui permessi per frontalieri: “Non sono aumentati”

Non ci sarà nessuna moratoria sul rilascio dei permessi G in Svizzera. Il Consiglio federale ha bocciato la misura a favore dei lavoratori indigeni perchè &...
21.05.2021
Ticino