Ticino, 23 aprile 2021

La lettera di GastroTicino a Norman Gobbi e al Consiglio di Stato

Onorevole Presidente del Consiglio di Stato Norman Gobbi, Lodevole Consiglio di Stato,

ci permettiamo scrivere questa lettera dopo aver preso conoscenza della decisione adottata dal Consiglio federale del 21 aprile sulla prossima apertura delle sale interne dei ristoranti forse prevista solo per il 26 maggio 2021.

Ancora una volta è una decisione che non fa che aggravare in modo ulteriore e drammatico la situazione di un settore già messo in ginocchio dalle prolungate chiusure del 2020 e 2021. Ci riferiamo in particolare a quei locali di montagna, di collina o di periferia che per ragioni non solo climatiche non possono aprire a breve le terrazze. Oppure a quei locali che, complici anche le misure di distanziamento sociale, hanno terrazze di così ridotte dimensioni da non giustificare l'apertura per l'impossibilità di coprire i costi. A questi si aggiungano soprattutto i locali che non dispongono di terrazze e che, al di là di promesse e speranze, rimangono ancora chiusi.

L’ipotizzata riapertura al 26 maggio significa, specie per le tipologie di locali di cui sopra, tenere chiusi i ristoranti per un ulteriore periodo di tempo che in totale raggiunge quasi i 6 mesi. Poche imprese del nostro settore possono riuscire a sopportare una così lunga chiusura.

Questo devastante lock-down, rischia di acuire
una crisi che già fa paventare un'ondata di chiusure e licenziamenti. Con la premessa che abbiamo sempre rispettato le regole atte a limitare la diffusione del virus, per tentare di evitare una “catastrofe annunciata” della ristorazione e albergheria, provocata da decisioni delle autorità federali incomprensibili e totalmente slegate da evidenze scientifiche chiediamo al Consiglio di Stato di:

➢ intervenire a livello cantonale e federale affinché sia ripensata e ricalcolata la percentuale di indennizzi versati attraverso i casi di rigore; attualmente tale percentuale è fissata al 10% ma non è più sufficiente per salvare gli imprenditori e le aziende del settore, pilastro economico e sociale del Paese, i posti di lavoro e il futuro di centinaia di famiglie.

Facciamo altresì notare la situazione sempre più disperata delle discoteche e dei locali notturni, che sono chiusi da 13 mesi; anche per queste categorie la percentuale del 10% per i casi di rigore, appare oggi del tutto inadeguata.

Certi della vostra comprensione e del vostro sostegno, ringraziando per l'ottimo rapporto avuto finora con la nostra categoria e rimanendo a disposizione per ulteriori informazioni, ringraziamo per l’attenzione in attesa di un vostro cortese riscontro.

Massimo Suter, Gabriele Beltrami

Guarda anche 

"Aggredito, legato e imbavagliato nel mio rustico di Rovio"

Un ticinese domiciliato a Rovio ha denunciato alla polizia di essere stato aggredito, legato e imbavagliato da alcuni individui la scorsa notte mentre si trovava nel suo ...
06.05.2021
Ticino

“Job mentor”: un innovativo progetto per favorire il collocamento dei disoccupati over-50

Innovazione e sostegno mirato: sono questi gli elementi cardine che guidano l’evoluzione delle misure a sostegno dei disoccupati iscritti al Servizio pubblico di co...
06.05.2021
Ticino

Nuovi obblighi per le datrici e i datori di lavoro di eseguire un’analisi della parità salariale

A pochi giorni dalla festa delle lavoratrici e dei lavoratori, la Commissione consultiva per le pari opportunità tiene a ricordare che, entro il 30 giugno 2021, le...
06.05.2021
Ticino

La situazione Covid in Ticino: 62 contagi e nessun decesso

Contagi in linea con quelli dei giorni scorsi, seppur il dato è il più alto da inizio settimana. Si registrano oggi 62 contagi da Covid in Ticino, non ci so...
06.05.2021
Ticino