Opinioni, 13 aprile 2021

Il costo dei tamponi dei frontalieri? Deduciamolo dai ristorni

Dal 7 aprile è possibile ritirare in farmacia i test “fai da te” per rilevare il coronavirus.
Già prima di Natale la Lega dei Ticinesi ha sollecitato - sia a livello federale che cantonale - una strategia di test di massa, al fine di contenere i contagi. La Lega è quindi indubbiamente favorevole ai tamponi a tappeto, ed è la prima a riconoscerne l’importanza. Testare e riaprire le attività economiche ancora chiuse è l’unica opzione di cui la Svizzera al momento dispone, avendo scandalosamente fallito nell’approvvigionamento dei vaccini.

Se testare è importante, è tuttavia altrettanto importante che i costi dei test ricadano sui soggetti giusti. Non va bene che il contribuente elvetico sia sempre tenuto a pagare per tutti.
Il Consiglio federale prevede che i tamponi “fai da te” (5 al mese) siano gratuiti - ovvero: a carico della collettività - non solo per i residenti in Svizzera, ma anche per i frontalieri (oltre che per i cittadini di Campione d’Italia).

I conti sono presto fatti: un test costa 12 Fr. Per cinque test al mese, fanno 60 Fr al mese. Moltiplicando per 70'115 frontalieri, si arriva ad un totale di 4'206'900 Fr al MESE di test per i frontalieri. Questo solo in Ticino.

Tanto per cominciare, soltanto chi esibisce un tampone negativo non più vecchio di 48
ore dovrebbe poter entrare in Svizzera. Il controllo andrebbe quindi effettuato ai confini. Ma ciò non accade per deliberata scelta del Consiglio federale.

Che il nostro Paese, oltre a tenere le frontiere sempre spalancate e senza controlli, finanzi pure i test di massa ai frontalieri con i soldi dei contribuenti, va decisamente troppo in là.
In particolare la situazione non è accettabile in Ticino, dove la popolazione già deve pagare il prezzo, altissimo, degli eccessi nel frontalierato provocati dalla libera circolazione delle persone.
Per il nostro Cantone sono pensabili varie opzioni: i test “fai da te” o li pagano i frontalieri, o li pagano i loro datori di lavoro, oppure - soluzione più semplice - i costi dei tamponi vengono dedotti dai ristorni delle imposte alla fonte dei permessi G, che il CdS si ostina a versare ogni anno all’Italia.

Il problema non è comunque solo ticinese. In Svizzera i frontalieri sono circa 345mila. 60 fr al mese (costo di cinque test) per 345mila permessi G equivale ad una spesa mensile di 20,7 milioni di Fr.
E’ palese che questo costo non può semplicemente essere scaricato sul groppone di cittadini svizzeri.

Al proposito verrà presentata una mozione al Consiglio federale.


Lorenzo Quadri
Consigliere nazionale
Lega dei Ticinesi

Guarda anche 

"I richiedenti l'asilo respinti non devono poter rifiutare un test pcr per evitare il rimpatrio"

Il Consiglio federale deve fare in modo che i richiedenti l'asilo respinti non possano evitare il rimpatrio rifiutandosi di sottoporsi ad un test pcr. È quanto...
05.05.2021
Svizzera

"FFS escluse dal programma UE, quali provvedimenti intende prendere il Consiglio federale?"

È notizia di oggi che l’Ue ha sospeso la partecipazione della Svizzera al programma di ricerca “Partenariato europeo per la trasformazione del sistema ...
04.05.2021
Svizzera

I frontalieri aumentano soprattutto nel Sopraceneri, a Bellinzona +13% in un anno

Nuovo record di frontalieri a Bellinzona. Alla fine di marzo nella capitale si contavano 2'466 lavoratori provenienti da oltre confine. Un anno prima erano 2'183,...
04.05.2021
Ticino

Aumentano ancora i frontalieri, in Ticino 359 in più in tre mesi

Nonostante la pandemia continua l’aumento del numero di frontalieri, sia in Svizzera sia in Ticino. Alla fine di marzo, il numero di frontalieri stranieri con un...
04.05.2021
Ticino