Svizzera, 19 febbraio 2021

Asilante ceceno si fa ricoverare per non tornare dalla moglie

Ha sostenuto di essersi sposato, con rito islamico, con una cittadina tedesca. Ma di non voler tornare in Germania. Si è persino fatto ricoverare volontariamente in clinica psichiatrica per cercare di impedire il rinvio. Ed ha ricorso al Tribunale amministrativo federale (TAF), grazie al sostegno della signora Cinzia Chirayil di SOS Ticino. Invano.

Perché alla fine l’uomo, un cittadino russo nato in Cecenia, dovrà comunque tornare in Germania, come si evince dalla sentenza pubblicata ieri dal TAF.

Egli aveva presentato la sua domanda d’asilo a Chiasso, lo scorso 26 ottobre. La Segreteria di Stato della migrazione (SEM) si era resa conto che l’uomo aveva già presentato una domanda d’asilo in Germania nel 2013 e aveva quindi chiesto alle autorità tedesche di riprenderlo a carico.

La Germania aveva accettato la richiesta e quindi il 3 dicembre la SEM aveva archiviato la domanda d’asilo del ceceno, senza entrarvi nel merito.
/>
Il 5 dicembre però lui si è fatto volontariamente ricoverare in clinica psichiatrica, manifestando idee suicidali. La sua patrocinatrice, la signora Chirayil di SOS Ticino, ha sostenuto che i problemi psichiatrici dell’uomo fossero preesistenti rispetto alla decisione negativa della SEM e ha quindi chiesto che venissero ulteriormente approfonditi prima di una nuova decisione.

Ma i giudici del TAF hanno evidenziato che il ceceno non aveva mai fatto accenno a presunti problemi psichici durante la procedura. Li ha manifestati solo dopo che la SEM aveva bocciato la sua richiesta. Inoltre i giudici hanno osservato che “la Germania dispone notoriamente di infrastrutture mediche sufficienti" e che quindi l’uomo potrà eventualmente farsi curare in quel paese.

Per questi motivi il TAF ha respinto il ricorso della signora Chirayil, ponendo a suo carico le spese giudiziarie di 750 franchi. Il ceceno dovrà quindi tornare dalla moglie.

Guarda anche 

Espulso per debiti, se la prende con la Posta

In assistenza e oberato dai debiti, un cittadino congolese deve lasciare il Ticino, dove vive dal 2009. Anche il Tribunale amministrativo cantonale (TRAM) ha in sostanza ...
05.03.2021
Ticino

La Danimarca spinge al rimpatrio i rifugiati siriani, “Damasco è sicura, tornate a casa”

Il primo ministro danese Mette Frederiksen è stata schietta quando ha detto di voler perseguire una politica di "zero richiedenti asilo". Eppure il paese...
04.03.2021
Mondo

Zurigo: donna accoltellata da un richiedente l’asilo

Una donna è stata aggredita e ferita con un’arma da taglio, giovedì pomeriggio attorno alle 15.30 a Otelfingen, nel canton Zurigo. Il presunto aggr...
26.02.2021
Svizzera

Divorzio, sentenza storica in Cina: marito dovrà risarcire l’ex moglie per i lavori domestici

PECHINO (Cina) – Sentenza storica in Cina. Un tribunale di Pechino ha ordinato a un uomo di pagare alla moglie l’equivalente di 7'700 dollari, corrisponde...
26.02.2021
Magazine