Ticino, 17 febbraio 2021

Espulso 12 anni fa, ma è ancora in Ticino

Avrebbe dovuto lasciare la Svizzera nel 2009. Ma è ancora qua, con il sostegno dell’avvocato Immacolata Iglio Rezzonico, che ha firmato per lui un’istanza di revisione alla luce di nuove prove e nuovi elementi poi rivelatisi rispettivamente false e infondati.

Protagonista della vicenda, che emerge da una sentenza pubblicata ieri dal TAF, è un cittadino iracheno giunto in Svizzera esattamente quattordici anni fa, nel febbraio 2007. Egli aveva candidamente ammesso di non essere perseguitato nel suo paese ma di essere semplicemente espatriato per cercare di migliorare le proprie condizioni d vita. Nel dicembre 2009 l’allora Ufficio federale della migrazione (divenuto in seguito la Segrereria di Stato della migrazione, SEM) aveva quindi respinto la domanda d’asilo dell’iracheno. Nel gennaio 2010 egli era insorto al TAF, che però aveva respinto il suo ricorso confermandone l’allontanamento dalla Svizzera.

Dalla sentenza si evince però che l’uomo non se ne è mai andato. Finché, nel febbraio 2019, non ha presentato una domanda di revisione della sua domanda d’asilo, con l’obiettivo di regolarizzare la sua situazione in Svizzera. Con il patrocinio dell’avvocato Iglio Rezzonico, l’iracheno ha prodotto un nuovo mezzo di prova sotto forma di un presunto ordine di cattura emanato dalla autorità irachene. Inoltre ha sostenuto che la trattazione della sua domanda d’asilo era stata falsata da presunti errori di traduzione, visto che a suo dire le audizioni si erano tenute in curdo-komanci e non in curdo-sorani, la sua madre lingua.

Ma il TAF ha dimostrato che le audizioni si erano tenute effettivamente in curdo-sorani e che lo stesso richiedente l’asilo aveva dichiarato di aver capito tutto ciò che gli era stato chiesto. E ha pure dimostrato che l’ordine di cattura presentato dall’iracheno era in realtà un falso.

L’istanza di revisione presentata dall’avvocato Iglio Rezzonico è dunque stata respinta e le spese giudiziarie di 1'500 franchi poste a suo carico. Resta ora da vedere se dopo 14 anni in Svizzera l’iracheno rispetterà l’ordine di tornare in patria o se invece cercherà di aggrapparsi a qualche nuovo sotterfugio.

Guarda anche 

Pesanti condanne per un caso di corruzione alla SECO, "il più grave da decenni nella storia svizzera"

Per quindici giorni il Tribunale penale federale di Bellinzona nel mese di agosto si è occupato di uno dei più grandi casi di corruzione nella storia del...
19.09.2021
Svizzera

Fa ricorso per una multa per divieto di sosta, alla fine dovrà pagare 15 volte tanto

Succede, talvolta, che quando si fa ricorso per una multa, si riesce a farla annullare, o comunque ridurre l'importo, quando si è convinti di non aver commesso...
18.09.2021
Svizzera

La crisi afghana si fa già sentire, aumento del 60% delle domande d'asilo in agosto

Nel mese di agosto, la Segreteria di Stato per la Migrazione (SEM) ha registrato 1556 domande di asilo. Il maggior numero di domande, 330, proveniva dall'Afghanistan ...
16.09.2021
Svizzera

Derubava i clienti FFS mettendo un fazzoletto nel distributore di biglietti

Un cittadino francese residente a Ginevra è riuscito a sottrarre circa 2'000 franchi a clienti delle FFS bloccando l'erogatore del resto dei distributori d...
13.09.2021
Svizzera