Svizzera, 30 dicembre 2020

Chiedono asilo in Svizzera fingendosi minorenni, vengono smascherati (ma possono rimanere)

Moglie e marito avevano presentato domanda di asilo a Chiasso nel dicembre 2019 dicendo di arrivare dalla Somalia e di essere minorenni ma la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) non gli aveva creduto. Giustamente, visto che entrambi hanno abbondantemente superato la maggiore età, come le perizie mediche hanno in seguito dimostrato. Eppure, nonostante il tentativo di inganno e nonostante l’assenza di motivi validi per l’ottenimento dell’asilo, i due coniugi somali possono per ora restare in Ticino.

Lo ha sentenziato il Tribunale amministrativo federale (TAF), che ha respinto i ricorsi presentati dalla signora Simona Cautela contro la mancata concessione dell’asilo alla coppia somala, ma ha nel contempo confermato la loro ammissione provvisoria in Svizzera. “L’esecuzione dell’allontanamento non è ragionevolmente esigibile” ha ribadito il TAF, confermando la prassi di non rinviare richiedenti l’asilo respinti verso paesi ritenuti pericolosi.

Come la Somalia, da dove i due coniugi erano partiti per motivi diversi. Il marito ha raccontato di essere fuggito dopo un litigio con lo zio, presso il quale abitava a seguito della morte della madre. La moglie ha invece sostenuto di avere subito violenze da parte del gruppo Al-Shabaab. I due hanno poi aggiunto di essersi sposati religiosamente durante la fuga verso l’Europa. 

Ma la SEM ha ritenuto le motivazioni del marito “illogiche” e quelle della moglie “inverosimili”. E pure il TAF, con sentenze pubblicate oggi, ha respinto le argomentazioni portate avanti dalla signora Simona Cautela. Tuttavia i due coniugi somali possono restare in Svizzera grazie all’ammissione provvisoria. Un’ammissione che, in molti casi, finisce per diventare definitiva.

Guarda anche 

Pesanti condanne per un caso di corruzione alla SECO, "il più grave da decenni nella storia svizzera"

Per quindici giorni il Tribunale penale federale di Bellinzona nel mese di agosto si è occupato di uno dei più grandi casi di corruzione nella storia del...
19.09.2021
Svizzera

Fa ricorso per una multa per divieto di sosta, alla fine dovrà pagare 15 volte tanto

Succede, talvolta, che quando si fa ricorso per una multa, si riesce a farla annullare, o comunque ridurre l'importo, quando si è convinti di non aver commesso...
18.09.2021
Svizzera

La crisi afghana si fa già sentire, aumento del 60% delle domande d'asilo in agosto

Nel mese di agosto, la Segreteria di Stato per la Migrazione (SEM) ha registrato 1556 domande di asilo. Il maggior numero di domande, 330, proveniva dall'Afghanistan ...
16.09.2021
Svizzera

Derubava i clienti FFS mettendo un fazzoletto nel distributore di biglietti

Un cittadino francese residente a Ginevra è riuscito a sottrarre circa 2'000 franchi a clienti delle FFS bloccando l'erogatore del resto dei distributori d...
13.09.2021
Svizzera