Svizzera, 30 dicembre 2020

Chiedono asilo in Svizzera fingendosi minorenni, vengono smascherati (ma possono rimanere)

Moglie e marito avevano presentato domanda di asilo a Chiasso nel dicembre 2019 dicendo di arrivare dalla Somalia e di essere minorenni ma la Segreteria di Stato della migrazione (SEM) non gli aveva creduto. Giustamente, visto che entrambi hanno abbondantemente superato la maggiore età, come le perizie mediche hanno in seguito dimostrato. Eppure, nonostante il tentativo di inganno e nonostante l’assenza di motivi validi per l’ottenimento dell’asilo, i due coniugi somali possono per ora restare in Ticino.

Lo ha sentenziato il Tribunale amministrativo federale (TAF), che ha respinto i ricorsi presentati dalla signora Simona Cautela contro la mancata concessione dell’asilo alla coppia somala, ma ha nel contempo confermato la loro ammissione provvisoria in Svizzera. “L’esecuzione dell’allontanamento non è ragionevolmente esigibile” ha ribadito il TAF, confermando la prassi di non rinviare richiedenti l’asilo respinti verso paesi ritenuti pericolosi.

Come la Somalia, da dove i due coniugi erano partiti per motivi diversi. Il marito ha raccontato di essere fuggito dopo un litigio con lo zio, presso il quale abitava a seguito della morte della madre. La moglie ha invece sostenuto di avere subito violenze da parte del gruppo Al-Shabaab. I due hanno poi aggiunto di essersi sposati religiosamente durante la fuga verso l’Europa. 

Ma la SEM ha ritenuto le motivazioni del marito “illogiche” e quelle della moglie “inverosimili”. E pure il TAF, con sentenze pubblicate oggi, ha respinto le argomentazioni portate avanti dalla signora Simona Cautela. Tuttavia i due coniugi somali possono restare in Svizzera grazie all’ammissione provvisoria. Un’ammissione che, in molti casi, finisce per diventare definitiva.

Guarda anche 

La Svizzera dovrà dare all'Italia i dati bancari di due contribuenti italiani

Il Tribunale amministrativo federale (TAF) ha respinto il ricorso di due contribuenti italiani che si opponevamo alla trasmissione dei loro dati bancari a Roma. Questa ri...
15.01.2021
Svizzera

Condannato sia in Italia sia in Svizzera, ma il TRAM lo perdona

Aveva omesso di segnalare nell’autocertificazione di essere già stato condannato in Italia a una pena di 20 mesi di reclusione. In più durante la sua ...
14.01.2021
Ticino

La vittima della sparatoria di Giornico deve tornare a casa sua

Dovrebbe lasciare la Svizzera il 32enne richiedente l’asilo pachistano che nel 2017 rimase ferito in una sparatoria nei boschi sopra Giornico. Il Tribunale amminist...
14.01.2021
Ticino

"La tassa militare è discriminatoria", la Svizzera condannata dalla CEDU

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) si è pronunciata a favore di un cittadino svizzero ritenuto inabile al servizio che si era opposto alla tassa mil...
12.01.2021
Svizzera