Svizzera, 12 dicembre 2020

Svizzera criticata per un accordo controverso con la Cina

Un accordo tra Svizzera e Cina, concluso nel 2015 e appena scaduto, avrebbe permesso a funzionari cinesi di venire in Svizzera per intervistare cittadini cinesi minacciati di espulsione al fine di stabilire la loro identità. Secondo una ONG, l'accordo avrebbe aiutato Pechino a perseguire i dissidenti cinesi fuggiti in Svizzera, e ciò sarebbe "una macchia per la reputazione della Svizzera".

La sua esistenza era stata rivelata al pubblico solo quest'estate dal "Neue Zürcher Zeitung" e questa settimana Safeguard Defender, una ONG per i diritti umani attiva in Asia, ne ha pubblicato il testo integrale, ritenendo che esso "offusca la reputazione della Svizzera".

Il 24 agosto, un tweet del noto dissidente di Hong Kong Joshua Wong, che nel frattempo è stato incarcerato, aveva reso noto l'esistenza dell'accordo. "Cinque anni dopo la firma dell'accordo segreto, nessun parlamentare svizzero ne ha sentito parlare, e a differenza di accordi simili tra la Svizzera e altri Paesi, quello con la Cina è più duro, perché i poliziotti cinesi possono venire a investigare senza prima avere il consenso del governo svizzero".

Un'accusa che il governo svizzero tuttavia respinge. Interpellata dall'agenzia stampa AFP sulle accuse di Safeguard Defender, un portavoce del DFAE ha risposto che si trattava di un accordo tecnico come quelli firmati con decine di altri paesi. Ha anche sottolineato che chiunque sia in pericolo, come i tibetani o i musulmani uiguri perseguitati dalla Cina, non sarà soggetto a deportazione "e non sarà interrogato da funzionari cinesi".

"La maggior parte degli Stati vuole riprendersi i propri cittadini solo se può verificare la loro identità", ha spiegato il portavoce Reto Kormann in una e-mail, sottolineando che in questo caso l'accordo con Pechino è stato attivato solo una volta nel 2016. "Due funzionari cinesi si sono poi trattenuti in Svizzera per alcuni giorni e hanno condotto audizioni con un totale di 13 persone", ha detto il DFAE in un comunicato, sottolineando che il testo è stato consegnato a chiunque ne avesse fatto richiesta.

Il DFAE ha anche puntualizzato che non c'è "alcuna necessità urgente di rinnovare l'accordo in questione", non essendo essenziale per questo tipo di procedura. La scoperta del testo e le critiche hanno spinto diversi parlamentari a chiedere una maggiore supervisione e l'argomento dovrebbe essere discusso nei prossimi mesi.

Dopo di che, potrebbero iniziare i colloqui con le autorità cinesi. "È nell'interesse della Svizzera rinnovare questo accordo", ha dichiarato all'inizio della settimana un altro portavoce del DFAE a AFP.

Per Safeguard Defender il testo firmato con la Cina era molto diverso dagli accordi conclusi con altri Paesi. "Metterlo nella stessa categoria è fallace", ha criticato il direttore dell'ONG Peter Dahlin. Secondo il testo, la Cina può decidere quali agenti intende inviare, "senza status ufficiale".

L'ONG con sede a Madrid ha fatto un confronto con altri accordi conclusi dalla Svizzera con la Svezia, il Regno Unito e l'India e ha affermato di aver trovato differenze fondamentali. Pertanto, Safeguard Defender sottolinea che in questo caso l'accordo è stato concluso con il Ministero della Pubblica Sicurezza cinese e non con il Ministero dell'Immigrazione o degli Affari Esteri.

Gli "esperti" cinesi non sono funzionari dell'immigrazione, ma "agenti", ha detto Dahlin, deplorando che gli sia permesso di "muoversi liberamente, condurre interviste e interrogatori senza supervisione".

Egli ritiene che vi sia anche il rischio che questi agenti possano, passando per la Svizzera, viaggiare in incognito in gran parte dell'Europa, il che "sarebbe ovviamente una grande preoccupazione per i Paesi confinanti con la Svizzera".

Reto Kormann ha fatto notare che sono state le autorità svizzere a decidere la durata del soggiorno e a concedere i visti di conseguenza.

A Pechino, una portavoce del ministero degli Esteri, interpellato sempre da AFP, ha affermato che l'informazione resa pubblica "è un'errata interpretazione dei fatti". "In realtà, altri paesi europei hanno una cooperazione simile con la Cina", ha detto.

Guarda anche 

"Perchè centralizzare le vaccinazioni in tre centri invece di lasciar fare alle case per anziani?"

Perchè il Cantone centralizza la somministrazione del vaccino in un centro (che poi saranno tre) a Rivera invece di far gestire le vaccinazioni a istituti di pross...
05.01.2021
Ticino

Accordo fiscale con l'Italia: esultanze fuori posto

Sono alquanto fuori posto, oltre che fastidiosi, i toni trionfalistici utilizzati in occasione della firma del “nuovo” accordo sulla fiscalità dei fron...
31.12.2020
Svizzera

Condannata a 4 anni di carcere la giornalista che denunciò la pandemia a Wuhan

Una giornalista cinese che ha coperto l'epidemia di Covid-19 a Wuhan è stato condannata lunedì a quattro anni di carcere. Zhang Zhan, questo il suo nome...
29.12.2020
Mondo

Brexit: raggiunto l'accordo tra UE e Regno Unito, "abbiamo ripreso il controllo"

Dopo dieci mesi di laboriose trattative, l'Unione Europea e il Regno Unito hanno raggiunto un accordo sulle loro future relazioni commerciali. "Questo accordo pr...
25.12.2020
Mondo