Svizzera, 05 maggio 2020

"I soldi dei contribuenti svizzeri siano spesi per le esigenze degli svizzeri"

I soldi dei contribuenti svizzeri siano spesi per le esigenze dei cittadini elvetici. È questa la sostanza di una mozione inviata dal consigliere nazionale Lorenzo Quadri al Consiglio federale per chiedere di sottoporre al Legislativo delle proposte che prevedano la cancellazione del contributo di 1,3 miliardi all'UE e che vengano effettuati significativi risparmi in ambito dei contributi all'estero, come nella spesa per l'asilo e che venga ridotta notevolmente la spesa sociale generata dai cittadini stranieri (compresi quelli di Stati membri dell'Ue). 

"La crisi economica generata dalla pandemia da coronavirus non mancherà di esplicare i propri effetti deleteri anche sulle finanze pubbliche – spiega l'esponente leghista - è evidente che i soldi dei contribuenti elvetici dovranno venire impiegati per le esigenze dei cittadini elvetici e dell’economia svizzera". Di conseguenza, ci saranno delle spese, come quelle sopra elencate, che "andranno drasticamente ridotte".

Di seguito il testo completo della mozione inoltrata da Quadri al Consiglio federale.

Mozione al Consiglio federale

Crisi da coronavirus: adesso come non mai i soldi dei contribuenti svizzeri servono per le esigenze dei cittadini svizzeri

Testo

Con la seguente mozione si chiede al CF di sottoporre al Legislativo proposte
che prevedano:
- La cancellazione del contributo di 1.3 miliardi all’UE
- Significativi risparmi nell’ambito dei contributi all’estero
- Significativa riduzione della spesa per l’asilo
- Significativa riduzione della spesa sociale generata da cittadini stranieri (compresi quelli di Stati
membri dell’UE)

Motivazione

La crisi economica generata dalla pandemia da coronavirus non mancherà di esplicare i propri effetti deleteri anche sulle finanze pubbliche.

E’ evidente che i soldi dei contribuenti elvetici dovranno venire impiegati per le esigenze dei cittadini elvetici e dell’economia svizzera.

Di conseguenza, ci saranno dei cespiti di spesa che andranno drasticamente ridotti: segnatamente i
contributi all’estero, ed in primis il contributo di coesione all’UE, la spesa per l’asilo, le prestazioni sociali a stranieri. A proposito di quest’ultimo punto, vale la pena ricordare che l’accordo quadro istituzionale, se sottoscritto, a non averne dubbio trascinerebbe con sé la direttiva UE sulla cittadinanza, con conseguente fattuale impossibilità di espulsione dalla Svizzera di cittadini dell’Unione europea anche se i diretti interessati sono a carico dell’assistenza sociale.

Lorenzo Quadri
Consigliere nazionale
Lega dei Ticinesi

Guarda anche 

In gioco non ci sono solo gli aerei, bensì l'esercito

Il 27 settembre, su cinque oggetti in votazione, due sono determinanti per il futuro della Svizzera: l’iniziativa per la limitazione (dell’immigrazione) ed i ...
24.09.2020
Opinioni

"Ditte straniere decidono a quali medici vanno indirizzati i pazienti svizzeri?"

In futuro saranno aziende straniere a decidere a quali medici specialisti saranno mandati i pazienti svizzeri? È ciò che teme il Consigliere nazionale Loren...
21.09.2020
Svizzera

Il Consiglio nazionale boccia gli sviluppi di Schengen

Il Consiglio nazionale temporeggia sullo sviluppo dell'acquis di Schengen. Giovedì (oggi) ha respinto, con 79 voti favorevoli, 74 contrari e 38 astensioni, un ...
17.09.2020
Svizzera

"Accogliere i migranti di Moria significa incoraggiare la distruzione di altri centri profughi"

Il Consigliere nazionale Lorenzo Quadri in un'interpellanza al Consiglio federale chiede che la Svizzera non accolga migranti dall'isola di Lesbo per "non in...
16.09.2020
Svizzera