Ticino, 30 aprile 2020

"In Ticino domina la televisione di stato", denuncia la NZZ

La RSI è ridotta a portavoce del governo cantonale e non assume il suo ruolo di guardiano della democrazia, come dovrebbe fare ogni giornalista e testata mediatica. A sostenerlo è il quotidiano zurighese NZZ che in un articolo pubblicato il 25 aprile e intitolato "In Ticino domina la televisione di stato" si accusa l'emittente di Comano di fungere da portavoce del governo senza alcuna capacità di critica sulla condotta dell'esecutivo e della politica. In causa è un presunto accordo tra la RSI e il Consiglio di Stato, dove l'emittente di Comano avrebbe concordato con il governo cantonale di avere una "delegazione", composta di 7 redattori a palazzo delle Orsoline per sostenere la comunicazione dell'esecutivo in questo periodo di pandemia. Addirittura, sostiene il foglio zurighese, chi volesse prendere contatto con la cellula di crisi allestita per far fronte alla crisi in corso, verrebbe messo in contatto con un redattore della RSI.

Questa vicinanza tra emittente pubblica e governo, per la RSI e la SSR non sarebbero un problema per "l'indipendenza e l'autonomia" dei giornalisti. Ma non la pensa così la NZZ, secondo cui è quantomeno difficile che un media che supporta attivamente la comunicazione di un governo allo stesso tempo possa essere critico della sua condotta. "Quella della RSI", continua il foglio zurighese, "non è altro che una forma di giornalismo incorporato", che ricorda i media americani in tempo di guerra, dove l'unica funzione dei giornalisti è di amplificare e diffondere il messaggio dell'esecutivo, senza mai mettere in discussione la sua azione. "Un tale incorporamento dei giornalisti", conclude la NZZ, "è diametralmente opposta al ruolo di guardiano che dovrebbe avere il cosiddetto quarto potere".



Guarda anche 

Rubati i dati di 130mila aziende che avevano richiesto i prestiti Covid

Una lista con i nomi di circa 130 000 aziende sarebbe stata sottratta da hacker criminali. Si tratta di imprese che avevano richiesto un credito COVID-19 nel 2020 utilizz...
21.10.2021
Svizzera

Pronti, si gusta. Torna Sapori e Saperi

Da ben 20 anni si rinnova, in autunno, l’appuntamento con la popolare rassegna dei prodotti agroalimentari ticinesi “Sapori e Saperi”. Si tratta della p...
21.10.2021
Ticino

Aveva chiesto soldi per interrompere una gravidanza che non c'era, condannata e espulsa

La donna camerunense di 40 anni, amante di un dirigente di un'azienda, che si era fatta versare quasi 235'000 franchi per porre fine a una sua presunta gravidanza...
21.10.2021
Svizzera

Il "fondo di battaglia" di UNIA

La creazione e la gestione di un fondo di battaglia, termine ormai desueto, è di competenza degli organi dirigenti e dei delegati di UNIA, in quanto abbiano la ...
21.10.2021
Opinioni