Mondo, 21 gennaio 2020

Crisi di governo in Norvegia per il rimpatrio di una jihadista

Il partito di destra, il FRP, ha lasciato il governo norvegese in segno di protesta contro il rimpatrio dalla Siria di una moglie di un jihadista la scorsa settimana, rimpatrio a cui il partito si opponeva. "La misura è colma", ha detto il capo del Partito del Progresso (FRP) Siv Jensen (nella foto), ministro delle finanze uscente, in conferenza stampa. La partenza del FRP priva il governo norvegese della sua maggioranza in parlamento.

Le dimissioni di Jensen non dovrebbero tuttavia portare alla caduta della coalizione guidata dal conservatore del primo ministro Erna Solberg. L'annuncio arriva dopo il rimpatrio di una donna di 29 anni legata all'organizzazione dello Stato islamico (ISIS) e dei suoi due figli, tra cui un bambino di cinque anni descritto come gravemente malato.

Favorevole al ritorno dei bambini, il FRP si era invece opposto al rimpatrio della madre. Gli altri tre partiti che formano la coalizione al potere hanno ignorato le obiezioni e accettato
il ritorno dei tre membri della famiglia, ritenendo che fosse l'unica soluzione possibile per salvare il bambino.

"Ci siamo sempre dichiarati pronti a rimpatriare bambini innocenti, ma non scendiamo a compromessi con le persone che hanno aderito a organizzazioni terroristiche e che stanno attivamente lavorando per distruggere i valori su cui è stata costruita la Norvegia", ha dichiarato Siv Jensen.

Accusata di essere membro di due organizzazioni terroristiche, il Fronte di Al-Nusra e l'ISIS, la donna, di origine pakistana ma con la cittadinanza norvegese, è stata precedentemente detenuta nel campo di Al-Hol, sotto il controllo delle milizie curde, è stata arrestata al suo arrivo a Oslo venerdi sera. È stata messa in detenzione preventiva lunedì per un periodo di quattro settimane mentre il figlio di cinque anni e la figlia di tre anni, nati da due diversi combattenti jihadisti, sono stati ricoverati in ospedale.

Guarda anche 

Smantellata cellula dell’Isis: nel mirino il Real Madrid

MADRID (Spagna) – L’Isis è tornato a minacciare la Spagna e il calcio iberico. Secondo ‘El Confidencial’, infatti, i servizi d’inform...
17.06.2024
Sport

Erano andate in Siria per unirsi all'ISIS, condannate (ma niente espulsione)

Il Tribunale penale federale ha condannato giovedì con due pene sospese due sorelle che si erano recate in Siria nel febbraio 2015 per unirsi allo Stato islamico (...
24.05.2024
Svizzera

L'islam radicale seduce sempre più giovani in Svizzera

La propaganda dello Stato Islamico (ISIS) seduce sempre più giovani in Svizzera, in particolare germanofoni. Proprio la settimana scorsa nei cantoni di Turgovia e ...
21.04.2024
Svizzera

Una jihadista imprigionata in Siria potrebbe tornare in Svizzera

Il Consiglio federale sta considerando di permettere il ritorno di una madre jihadista insieme alla figlia, attualmente detenute in Siria. La Svizzera non si è mai...
29.03.2023
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto