Svizzera, 21 novembre 2019

Regula Rytz all'attacco del seggio di Cassis, "capisco i ticinesi ma ora tocca ai Verdi"

La presidente dei Verdi Regula Rytz (nella foto) vuole diventare consigliere federale. La bernese ha annunciato giovedì alla stampa di essere pronta a portare l'ambizione del suo partito a dicembre.

La Consigliera nazionale ha infine messo fine alle attese sulle sue ambizioni personali sulla spinta storica degli ambientalisti alle scorse elezioni federali. Finora aveva esitato mettendo in evidenza la sua corsa al Consiglio degli Stati e annunciando che se fosse stata eletta alla Camera dei Cantoni il 17 novembre, non sarebbe stata in corsa per il governo.

Regula Rytz, 57 anni, è presidente dei Verdi dal 2012. Al Consiglio nazionale da otto anni, questa insegnante e accademica ha prestato servizio nel Gran Consiglio di Berna e nel Dirigente comunale di Berna. Precedentemente era anche stata segretaria centrale dell'Unione sindacale svizzera.

Il suo tempismo è sorprendente perché venerdì il gruppo parlamentare dei Verdi deve decidere se lancerà una candidatura per il Consiglio federale al completo rinnovo del collegio l'11 dicembre.

Vista la sua crescita elettorale, il partito ritiene che avrebbe diritto a un seggio in Consiglio federale perché l'attuale composizione non corrisponde più la forza elettorale dei singoli partiti.

Rytz non ha nascosto di puntare a uno dei due seggi del PLR, partito "ampiamente sovrarappresentato in governo". Secondo la verdele forze ecologiste meritano di essere rappresentate in Governo: "Capisco e comprendo il desiderio dei ticinesi di avere un proprio rappresentante e che i ticinesi non saranno contenti, ma anche la voce ecologista emersa il 20 ottobre in una votazione storica ha il diritto di essere rappresentata nell’Esecutivo federale. E senza posti liberi c’è poco margine di manovra", ha aggiunto Rytz, secondo cui ci dovrebbe essere nuova formula magica nella quale vanno attribuiti due seggi ai due principali partiti (UDC e PS) e uno ciascuno ai tre seguenti (PLR, PPD e Verdi).

I Verdi, assieme ai Verdi liberali, sono stati i grandi vincitori delle recenti elezioni federali. Al Consiglio nazionale hanno più che raddoppiato il loro numero di seggi, passati da 11 a 28.

Guarda anche 

Greta Gysin attacca Gobbi ma fa un buco nell'acqua, "in Ticino solo espulsioni regolari"

La consigliera nazionale Greta Gysin (Verdi) è rimasta con il cerino in mano. La sua interpellanza sulle revoche di permessi per stranieri in Ticino, da lei ritenu...
20.11.2020
Ticino

Da domani mascherina in tutti gli spazi chiusi accessibili al pubblico, assembramenti ancora più limitati e raccomandato il telelavoro

Indossare una maschera sarà obbligatorio in tutti gli spazi pubblici chiusi della Svizzera a partire da lunedì per contrastare la diffusione del coronavirus...
18.10.2020
Svizzera

Il Consiglio federale chiede 124 milioni di franchi per promuovere l'integrazione dei rifugiati nel mondo del lavoro

I programmi d'integrazione dei rifugiati nel mercato del lavoro devono continuare secondo il Consiglio federale, il quale ha chiesto al Parlamento di rinnovare un cre...
12.10.2020
Svizzera

Moria: I rossoverdi degli svizzeri se ne impipano, ma per i migranti economici...

Non sta certo a noi togliere le castagne dal fuoco agli eurobalivi incapaci di gestire il caos asilo, che non perdono mezza occasione per discriminarci e per ricattarci&n...
14.09.2020
Svizzera