Svizzera, 21 novembre 2019

Droga, alcool e furti: Il centro asilanti fuori controllo di Zurigo

Droga, alcool, violenza, furti, viavai di persone non autorizzate. “Centro asilanti fuori controllo” è il titolo di un articolo pubblicato mercoledì dalla NZZ per denunciare i gravi problemi di sicurezza sorti nel centro d’accoglienza di Juch, a Zurigo. L’ex responsabile della sicurezza del centro, Markus Giger, non usa mezzi termini. “Le bande criminali usavano il centro asilanti per smerciare droga e merci rubate - racconta - mentre la direzione dell’AOZ guardava dall’altra parte”.

AOZ sta per Asyl Organisation Zürich ed è una società che pur essendo no profit genera un fatturato di 247 milioni di franchi l’anno. Le era stata affidata la gestione del centro di Juch nell’ambito di un progetto pilota voluto dalla Confederazione per testare nuove modalità di accoglienza. Ma il tentativo si è rivelato un fallimento tanto che nel frattempo la gestione dei centri asilanti zurighesi è tornata in mano alla Segreteria di Stato della migrazione.

Giger spiega che parecchi richiedenti l’asilo sono arrivati al centro senza nulla in mano e sono ripartiti con grosse valigie piene di vestiti rubati. Di giorno andavano a fare vere e proprie razzie nei negozi della zona, sapendo che al centro non avrebbero dovuto sottostare a nessun controllo. “Noi del personale di sicurezza - racconta - potevamo controllare le loro borse solo esternamente e non avevamo il diritto di perquisire le loro stanze, per rispetto della loro sfera privata”.

Così il centro è sprofondato nell’anarchia. Spaccio di droga, soprattutto cocaina, ricettazione di oggetti rubati, risse, consumo eccessivo di alcool e hashish… “La maggior parte del personale di AOZ non aveva la benché minima formazione in quest’ambito - racconta -. E noi della sicurezza avevamo l’ordine di tollerare. Non potevamo fare niente. Per questo ho deciso di andarmene”. Dopo la partenza di Giger, scrive la NZZ, la situazione è ulteriormente peggiorata. Fino alla chiusura del centro.

Oggi i richiedenti l’asilo sono stati trasferiti in una nuova struttura, sull’area Duttweiler. La gestione è passata in mano alla Sem, che ha raddoppiato la presenza di agenti di sicurezza. Essi, tutti agenti Securitas, controllano gli ospiti ogni volta che escono o entrano nel centro. E subito la sinistra ha iniziato a lamentarsene. Il municipale PS Raphael Golta aveva denunciato “pesanti ingerenze nella sfera privata dei richiedenti l’asilo”, i quali, poverini, non sono più liberi di spacciare e rubare.

Guarda anche 

A Zurigo la nazionalità dei criminali dovrà essere comunicata (ma non l'origine)

Il parlamento del canton Zurigo ha approvato lunedì il controprogetto del governo a un'iniziativa dell'UDC che chiede che venga comunicata la nazionalit&ag...
13.01.2020
Svizzera

Richiedente l'asilo picchia la compagna incinta per farla abortire, condannato (ma niente carcere né espulsione)

Un richiedente l'asilo iracheno è stato riconosciuto colpevole di lesioni semplici per aver picchiato ripetutamente la compagna incinta per farla abortire. Non...
13.01.2020
Svizzera

Asilanti non vengono rinviati in Italia, "il TAF mina l'Accordo di Dublino"

L'UDC ha duramente criticato alcune recenti sentenze del Tribunale amministrativo federale di vietare il rinvio in Italia di richiedenti l'asilo. Con "queste...
09.01.2020
Svizzera

Zurigo verso il diritto di voto agli stranieri, "naturalizzazione processo troppo lento"

Il parlamento del canton Zurigo ha approvato lunedì un'iniziativa del esecutivo della città di Zurigo che chiedeva l'introduzione del diritto di vot...
07.01.2020
Svizzera