Svizzera, 18 novembre 2019

Cassis difende il suo seggio in Consiglio federale, "discriminato come ticinese"

Sotto pressione a causa della vittoria dei Verdi e il contemporaneo arretramento del suo partito alle elezioni federali, il consigliere federale Ignazio Cassis difende, in un'intervista pubblicata domenica sul "SonntagsBlick" il suo seggio in governo e racconta i suoi due anni in Consiglio federale.

Per Cassis, ad essere preso di mira è lui e non la sua collega di partito Keller-Sutter perchè lui sarebbe una persona che "rimette tutto in discussione", cosa che avrebbe dato fastidio a molti. Inoltre si lamenta talvolta di essere incompreso, anche perchè deve constantemente esprimersi in una lingua che non è quella materna. "Forse, dovendo esprimermi in una lingua straniera non sono sicuro dell'impressione che do rispetto a quando posso parlare in italiano".

Oltre alle difficoltà linguistiche anche il fatto di appartenere alla minoranza italofona sarebbe uno svantaggio. Quando gli viene chiesto se si sente discriminato come ticinese lui risponde : "Sì, assolutamente. Le minoranze sono simpatiche per i discorsi del 1 agosto. Ma quando si tratta di condividere il potere, non svolgono più alcun ruolo".

Per quanto riguarda l'ambizione dei Verdi a un seggio nel Consiglio federale, il ministro osserva: "Una discussione analoga era stata fatta nel 2007 quando sono stato eletto al Consiglio nazionale, perché anche allora i Verdi avevano ottenuto un numero significativo seggi. Nel 2011, ne hanno poi persi quasi altrettanto".

L'intervista completa a Cassis, in tedesco, è disponibile sul sito del Blick qui.

Guarda anche 

Greta Gysin attacca Gobbi ma fa un buco nell'acqua, "in Ticino solo espulsioni regolari"

La consigliera nazionale Greta Gysin (Verdi) è rimasta con il cerino in mano. La sua interpellanza sulle revoche di permessi per stranieri in Ticino, da lei ritenu...
20.11.2020
Ticino

Da domani mascherina in tutti gli spazi chiusi accessibili al pubblico, assembramenti ancora più limitati e raccomandato il telelavoro

Indossare una maschera sarà obbligatorio in tutti gli spazi pubblici chiusi della Svizzera a partire da lunedì per contrastare la diffusione del coronavirus...
18.10.2020
Svizzera

Il Consiglio federale chiede 124 milioni di franchi per promuovere l'integrazione dei rifugiati nel mondo del lavoro

I programmi d'integrazione dei rifugiati nel mercato del lavoro devono continuare secondo il Consiglio federale, il quale ha chiesto al Parlamento di rinnovare un cre...
12.10.2020
Svizzera

“Le partite con la mascherina? Facciamolo con responsabilità”

“Ci vorrà la massima collaborazione e responsabilità parte di tutti gli spettatori e tifosi. Solo così si potranno portare avanti le gra...
08.09.2020
Sport