Mondo, 14 ottobre 2019

Settimana decisiva per la Brexit, Regno Unito finalmente fuori dall'UE?

Questa settimana si potrebbe concludere un accordo per un divorzio amichevole tra l'UE e il Regno Unito, ha dichiarato lunedì il vice primo ministro irlandese Simon Coveney dopo un fine settimana di intense discussioni tra gli inglesi e Bruxelles.

"Un accordo è possibile ed è possibile questo mese. Forse è possibile anche questa settimana, ma non ci siamo ancora arrivati ​​", ha detto Coveney.

"Come ha affermato ieri il Commissario europeo e capo negoziatore dell'UE Michel Barnier, c'è ancora molto lavoro da fare e auspichiamo che oggi possiamo compiere ulteriori progressi", ha aggiunto.

"Sulla Brexit, meno diciamo ora, meglio è", ha dichiarato Simon Coveney. "Penso che ciò che stiamo cercando di fare sia abbastanza chiaro, ma ora ci sono discussioni tecniche abbastanza dettagliate e penso che dobbiamo dare il tempo e lo spazio per farlo", ha insistito.

Il ministro degli Esteri lussemburghese Jean Asselborn da parte sua ritiene che un accordo sia possibile dopo gli sviluppi della posizione britannica e il ministro degli esteri spagnolo Josep Borrell si è detto "speranzoso" su tale accordo.

Michel Barnier ha informato gli ambasciatori dell'UE alla fine della giornata di domenica, dopo un fine settimana di colloqui tra funzionari descritti come "intensi" e "costruttivi".
/>
Ma finora non è stata raggiunta alcuna svolta. "Le soluzioni delineate non sono ancora formalizzate in un testo che le rende legalmente valide e operative. Finché non ci sarà un testo, non ci sarà un accordo", ha avvertito lunedì il rappresentante di uno Stato membro.

"Le discussioni continuano lunedì, ma le scadenze sono molto strette per il vertice di giovedì", ha continuato Barnier

Il capo negoziatore dell'UE martedì prenderà parte a una riunione dei ministri degli affari europei a Lussemburgo in cui aggiornerà i presenti dei risultati dei colloqui con i suoi interlocutori britannici.

In seguito, giovedì i capi di Stato e di governo dei 27 decideranno durante il vertice del seguito da dare ai negoziati con Londra.

Il Regno Unito dovrebbe lasciare l'UE entro il 31 ottobre, tuttavia, una legge votata dal parlamento britannico constringerebbe il primo ministro Boris Johnson a richiedere un'ennesima proroga all'UE, fino a gennaio 2020, se un accordo non sarebbe stato possibile. Se ciò avvenisse, le ripercussioni sia per la politica interna britannica, da mesi sull'orlo di elezioni anticipate, e per la brexit potrebbero essere molto pesanti. Johnson tuttavia si è sempre mostrato ottimista sulle possibilità del Regno Unito di lasciare l'Unione europea in tempo.

Guarda anche 

Lugano, un saluto amaro. Ma ora testa alla Coppa

LUGANO - Il Lugano non “lancia” al meglio la finalissima di Coppa Svizzera in programma domenica prossima a Berna. Non solo perde con...
26.05.2024
Sport

Regno Unito, il premier annuncia elezioni anticipate: "Si vota il 4 luglio"

Il primo ministro britannico Rishi Sunak ha annunciato mercoledì che le elezioni legislative si terranno il prossimo 4 luglio, ponendo fine a mesi di suspense sull...
23.05.2024
Mondo

L'UE arrabbiata per il divieto di esporre la bandiera europea all'eurosong

Lunedì l'Unione Europea (UE) ha inviato ufficialmente un reclamo all'emittente dell'Eurovision Song Contest, dopo che ai partecipanti è stato vi...
14.05.2024
Mondo

L’UE presenta reclamo all’Eurovision per il divieto della bandiera europea

BRUXELLES (Belgio) – L’UE non ci sta e ha deciso di alzare la voce e di chiedere chiarimenti, presentando un reclamo ufficiale all’emittente dell’...
14.05.2024
Magazine

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto