Ticino, 12 agosto 2019

Interpellanza al Consiglio federale

Collegamento A2-A13: USTRA intende stravolgere il progetto generale senza avvisare il Cantone? Quali rischi e quali costi comporterà tale iniziativa?

A fine luglio, USTRA ha pubblicato il bando di concorso per l’adeguamento del progetto generale (PG) del collegamento A2-A13.
Il progetto generale, commissionato al Cantone, ha comportato un investimento di 10 milioni (credito votato dal Gran Consiglio). Esso è il risultato di un complesso lavoro di mediazione tra le parti, comprese quelle che si sono sempre opposte al collegamento in questione, ed è stato condiviso nel corso degli anni con tutti gli attori coinvolti, USTRA compreso.

ll bando di concorso dell’USTRA prevede un investimento di 30mila ore; considerando che l’allestimento del PG  di ore ne ha comportate ca. 60mila, è lecito immaginare che non si prospettino adattamenti (?) di modesta entità, bensì modifiche sostanziali. Le quali potrebbero mettere in discussione il consenso faticosamente raggiunto, frutto di delicati equilibri.  Ciò rischia di generare dei ritardi di anni, o anche peggio.

Il bando di concorso per l’adeguamento del PG è stato pubblicato unilateralmente da USTRA senza coinvolgere né informare né il CdS ticinese, e neppure il DT. L’esecutivo cantonale ha infatti trasmesso ad USTRA uno scritto dai toni perentori.
Le rassicurazioni a mezzo stampa date dal portavoce di USTRA non sono sufficienti a convincere. Si trattasse di “normale prassi”, il passo intrapreso non avrebbe inquietato né sorpreso il CdS.
 
Chiedo al CF:
  • Perché l’iniziativa di USTRA a proposito del PG del collegamento A2-A13 non è stata concordata con il Consiglio di Stato ticinese, o almeno con il DT?
  • Come si concilia l’investimento previsto di 30mila ore su un progetto generale che di ore ne ha comportate 60mila, con l’assicurazione che si tratta di normale prassi e che non ci saranno stravolgimenti progettuali?
  • USTRA, rispettivamente il CF, ha considerato i rischi che potrebbero comportare modifiche incisive su un progetto frutto di delicati equilibri tra le parti faticosamente raggiunti?
  • L’iniziativa di USTRA rischia di vanificare parte degli investimenti plurimilionari effettuati dal Cantone nel PG? In sostanza, il contribuente paga due volte (per il PG elaborato dal Cantone, con il coinvolgimento dell’USTRA, e poi per le modifiche unilaterali di USTRA)?
  • Quale costo comporterà l’adeguamento del progetto da parte di USTRA, che come detto prevede un monteore di ben 30mila ore?
Lorenzo Quadri
Consigliere nazionale
Lega dei Ticinesi

Guarda anche 

Utili della BNS da usare a vantaggio dei cittadini

La BNS (Banca nazionale svizzera) scoppia di soldi. Nel primo trimestre del 2019 ha realizzato 38.5 miliardi (!) di utili. Non solo. Negli ultimi vent’anni, il bila...
16.10.2019
Opinioni

Svendita della Svizzera e isterismi climatici

Il tema fondamentale delle prossime elezioni federali sono i rapporti con l’Unione europea. Nei prossimi anni – quindi nel corso della legislatura che sta per...
12.10.2019
Opinioni

Cassa malati: serve una cura da cavalli

Anche l’anno prossimo i ticinesi dovranno fare i conti con l’ennesimo aumento ingiustificato dei premi di cassa malati. Il tema è caldo da ormai due de...
07.10.2019
Opinioni

Cassa malati: o si cambia, oppure…

Si avvicina la fine di settembre e con essa l’annuncio, ormai diventata consuetudine annuale, dell’ennesimo aumento dei premi di cassa malati. Se pensiamo che...
21.09.2019
Opinioni