Svizzera, 23 giugno 2019

"Sapevamo di essere ricercati, per questo siamo andati in Svizzera"

Due ladri seriali francesi sono stati condannati giovedì al tribunale di Lons-le-Saunier, città del Giura francese, dopo una latitanza a cavallo del confine svizzero-francese durata mesi, riporta il portale francese "Le Progrès". "Siamo fuggiti perchè sapevamo che eravamo ricercati. Non volevamo tornare in prigione. Siamo andati in Svizzera per non essere catturati dalla polizia francese ", ha ammesso uno di loro. I due furono infine arrestati nel marzo 2018 e posti in custodia cautelare.

La fuga dei due ladri è cominciata all'inizio del 2018, quando avevano rubato 300 tra lettere e pacchi a Dole, sempre nel Giura francese. Gli inquirenti riuscirono a identificare i due autori e perquisirono una casa, dove trovarono due sacchi della posta francese con parte della refurtiva. Dei due ladri però nessuna traccia, e così ebbe inizio una latitanza di diversi mesi tra Franche-Comté, Savoie e Svizzera.

Un viaggio durante il quale i due, consumatori di stupefacenti, hanno messo a segno un crimine dopo l'altro. Quando furono infine arrestati avevano al loro attivo cinque auto rubate, diversi furti in veicoli e abitazioni, un'anziana signora derubata per strada, e molteplici violazioni del codice stradale.

Crimini commessi sia in Francia che in Svizzera, con i due che attraversavano il confine indisturbati. Fino a marzo 2018, quando la polizia francese arrestò uno di loro a Dole mentre l'altro, dopo un altro furto, fu arrestato poco dopo a Maîche, comune francese appena dopo il confine con la Svizzera.

Durante il processo i due uomini "hanno giustificato la loro lunga delinquenza con la paura di essere arrestati e la mancanza di denaro". Ma hanno ammesso la maggior parte dei fatti di cui sono stati accusati. Uno di loro è stato condannato a 16 mesi di carcere, 8 dei quali sospesi. Ha lasciato il tribunale libero avendo già scontato la pena in carcere preventivo. Il secondo ha ricevuto una condanna a 30 mesi, di cui 15 sospesi, e dovrà di nuovo tornare in carcere.

Guarda anche 

Muore annegato cercando di salvare il suo cane

Il corpo senza vita di un uomo di 73 anni è stato ritrovato nel Reno all'altezza della città di confine di Jestetten, in Germania. Il malcapitato era sc...
20.07.2019
Svizzera

Il Patto ONU che cova sotto la cenere

E’ un po’ che non si sente più parlare del patto ONU sulla migrazione, detto anche Global Compact. Quello che 165 Stati hanno sottoscritto nel dicembre...
19.07.2019
Svizzera

Maxi-cantiere a Ginevra, impresa italiana sospettata di dumping sparisce nel nulla causando ritardi e costi milionari

Un'impresa italiana sospettata di sottopagare i propri dipendenti sul cantiere del futuro deposito dell'azienda dei trasporto pubblici di Ginevra (TPG) ha fatto p...
18.07.2019
Svizzera

Fugge da un istituto psichiatrico, un poliziotto gli spara

Un uomo fuggito da un'istituto psichiatrico ha perso la vita mercoledì sera durante un'operazione di polizia a Berna. Ritenuto un "pericolo imminente&...
18.07.2019
Svizzera