Svizzera, 03 giugno 2019

Un ex alto funzionario critica Cassis, "mette a rischio la neutralità svizzera"

L'ex segretario del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), Georges Martin (nella foto), ha criticato la politica estera svizzera sotto la conduzione di Ignazio Cassis. In pensione da due anni, dopo 38 anni al servizio della diplomazia svizzera, durante un'intervista alla radio romanda Tonic l'ex diplomatico è deluso in particolare per la gestione dell'accordo sul nucleare e del patto ONU per la migrazione, trattati a cui la Svizzera (finora) non ha aderito e che secondo Martin danneggiano la neutralità elvetica.

Il rifiuto del Consiglio federale di firmare l'accordo sul nucleare, nonostante il voto favorevole di entrambe le Camere a Berna, è per lui un voltafaccia: "La Svizzera è stato come un genitore dello stesso Trattato . E cosa facciamo come genitore? Non riconosciamo il bambino e diciamo che non possiamo firmarlo così com'è. Ciò ha causato un arresto delle adesioni al trattato" ha affermato Martins.

L'ex diplomatico si è rammaricato che la Svizzera abbia improvvisamente giocato il gioco delle grandi potenze nucleari: "Uno dei motivi per cui non abbiamo firmato questo trattato è perché farlo avrebbe probabilmente infastidito la NATO e che avendo aderito potremmo non più avere diritto all'ombrello nucleare della NATO. È la prima volta che assistiamo a una così grave violazione della neutralità svizzera".

Lo stesso fenomeno si è verificato con il Patto sulle migrazioni delle Nazioni Unite, che è stato fortemente sostenuto dalla Svizzera prima che il Consiglio federale cambiasse rotta dopo un'accesa campagna dell'UDC: "Il nostro ambasciatore a New York è stato lasciato solo quando il suo ritratto è stato appeso a Zurigo, accusandolo di essere il nemico del popolo. Non credo che il Dipartimento federale degli affari esteri lo abbia sostenuto, al contrario."

In generale, osserva: "Siamo in una fase in cui stiamo andando indietro invece che avanti. È diventato sempre più difficile per gli altri paesi capire la politica estera svizzera. Sarebbe nel nostro interesse trovare un po' più di coerenza".

Guarda anche 

Clamoroso: in FIFA 22 non ci sarà la Svizzera!

BERNA – C’è sgomento anche in seno alla Federazione svizzera di calcio: la Nazionale rossocrociata, infatti, sarà una delle squadre che non sara...
14.09.2021
Sport

Ci sarebbero anche degli aerei svizzeri nell'arsenale finito tra le mani dei talebani

Tra il considerevole arsenale finito tra le mani dei talebani dopo la loro riconquista lampo dell'Afghanistan (vedi articoli correlati) ci sarebbero anche aerei svizz...
12.09.2021
Svizzera

Seferovic spreca, la Svizzera si riscopre “piccola”. Vantaggio sull’Italia già bruciato

BELFAST (Irlanda del Nord) – Partiamo da un presupposto: andare a vincere a Belfast, nel temibile catino del Windsor Park, non è mai facile per nessuno. Figu...
09.09.2021
Sport

Chi si rivede: la Nazionale torna a Lugano

LUGANO – A distanza di 3 anni la Svizzera tornerà a Lugano. Questa volta non con Vladimir Petkovic in panchina, ma con Murat Yakin, e lo farà in vista...
07.09.2021
Sport