Svizzera, 03 giugno 2019

Un ex alto funzionario critica Cassis, "mette a rischio la neutralità svizzera"

L'ex segretario del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), Georges Martin (nella foto), ha criticato la politica estera svizzera sotto la conduzione di Ignazio Cassis. In pensione da due anni, dopo 38 anni al servizio della diplomazia svizzera, durante un'intervista alla radio romanda Tonic l'ex diplomatico è deluso in particolare per la gestione dell'accordo sul nucleare e del patto ONU per la migrazione, trattati a cui la Svizzera (finora) non ha aderito e che secondo Martin danneggiano la neutralità elvetica.

Il rifiuto del Consiglio federale di firmare l'accordo sul nucleare, nonostante il voto favorevole di entrambe le Camere a Berna, è per lui un voltafaccia: "La Svizzera è stato come un genitore dello stesso Trattato . E cosa facciamo come genitore? Non riconosciamo il bambino e diciamo che non possiamo firmarlo così com'è. Ciò ha causato un arresto delle adesioni al trattato" ha affermato Martins.

L'ex diplomatico si è rammaricato che la Svizzera abbia improvvisamente giocato il gioco delle grandi potenze nucleari: "Uno dei motivi per cui non abbiamo firmato questo trattato è perché farlo avrebbe probabilmente infastidito la NATO e che avendo aderito potremmo non più avere diritto all'ombrello nucleare della NATO. È la prima volta che assistiamo a una così grave violazione della neutralità svizzera".

Lo stesso fenomeno si è verificato con il Patto sulle migrazioni delle Nazioni Unite, che è stato fortemente sostenuto dalla Svizzera prima che il Consiglio federale cambiasse rotta dopo un'accesa campagna dell'UDC: "Il nostro ambasciatore a New York è stato lasciato solo quando il suo ritratto è stato appeso a Zurigo, accusandolo di essere il nemico del popolo. Non credo che il Dipartimento federale degli affari esteri lo abbia sostenuto, al contrario."

In generale, osserva: "Siamo in una fase in cui stiamo andando indietro invece che avanti. È diventato sempre più difficile per gli altri paesi capire la politica estera svizzera. Sarebbe nel nostro interesse trovare un po' più di coerenza".

Guarda anche 

San Gallo, richiedente l'asilo aggredisce autista di un autobus e cerca di fuggire con il mezzo

Un 29enne richiedente l'asilo somalo ha aggredito sabato mattina nel canton San Gallo l'autista di un autobus su cui era salito. Come riferisce il "Blick&quo...
21.11.2019
Svizzera

A Euro 2020 ci siamo: ora proviamo il salto di qualità

GIBILTERRA (Gibilterra) – Sarebbe stato un vero e proprio terremoto calcistico e sportivo se ieri sera la Svizzera non avesse centrato la qualificazione in casa del...
19.11.2019
Sport

Cassis difende il suo seggio in Consiglio federale, "discriminato come ticinese"

Sotto pressione a causa della vittoria dei Verdi e il contemporaneo arretramento del suo partito alle elezioni federali, il consigliere federale Ignazio Cassis difende, i...
18.11.2019
Svizzera

Da Monserrat a Gibilterra: l’epopea di un gruppo di amici

Immaginate un gruppo di amici dello stesso quartiere di Zurigo amanti del calcio e dell’avventura. Un bel giorno, grazie all’intuizione di uno di loro,...
18.11.2019
Sport