Svizzera, 06 aprile 2019

L'OCSE vuole che la Svizzera spenda di più nell'aiuto allo sviluppo

La Svizzera è un partner forte e affidabile nello sviluppo, afferma l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). Ma dovrebbe spendere un po' di più e compiere maggiori sforzi di comunicazione per aumentare il sostegno da parte della popolazione.

Il bilancio dell'esame condotta dall'organizzazione ogni cinque anni è "incoraggiante". La Svizzera è "molto vicina al vertice", ha affermato la presidente Susanna Moorehead venerdì davanti alla stampa. E ha citato quali punti a suo favore la sua esperienza, la sua flessibilità, la sua grande capacità di innovazione, la sua tradizione umanitaria e la sua lealtà al multilateralismo.

Tuttavia l'OCSE ha espresso una serie di raccomandazioni per aiutare la Confederazione a migliorare ulteriormente. La Svizzera dovrebbe in particolare impegnarsi a dedicare lo 0,5% del suo reddito nazionale lordo all'aiuto allo sviluppo. Ha raggiunto tale soglia tra il 2014 e il 2016, ma il budget allegato al messaggio 2017-2020 è "solo" dello 0,48%.

Nel 2018, il livello è sceso ancora allo 0,45%. Anche se questo si spiega da un calo dei costi del settore dell'asilo, inclusi nel totale, "è un dato di fatto che l'obiettivo fissato dal Parlamento nel 2011 non viene raggiunto", ha riconosciuto Manuel Sager, a capo della Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC).

"Neutralità in gioco"

L'OCSE inoltre si dice preoccupato per i programmi, nell'ambito dell'aiuto allo sviluppo, che hanno come obiettivo quello di limitare la migrazione irregolare. Un programma inteso principalmente a prevenire l'immigrazione piuttosto che promuovere lo sviluppo sostenibile del paese partner potrebbe creare un rischio per la reputazione della Svizzera e mettere a repentaglio la sua neutralità, sostiene l'organizzazione sovranazionale.

Secondo Sager, i fondi per l'aiuto allo sviluppo andrebbero piuttosto indirizzati verso obiettivi a lungo termine, che, a suo dire, avrebbero comunque un impatto positivo sulla migrazione . Ma perchè la Svizzera rimanga un partner affidabile, deve evitare di adattare le sue attività sulla migrazione, ha affermato Raymund Furrer, capo della Cooperazione e dello sviluppo economico presso la Segreteria di Stato dell'economia. (SECO).


Guarda anche 

Verso una settimana lavorativa di 67 ore?

Una revisione della legge federale sul lavoro prevede di autorizzare settimane di lavoro di 67 ore, riferiva domenica "Le Matin Dimanche", che cita un documento...
20.01.2020
Svizzera

Fischer lancia il Mondiale casalingo: "Sognare non costa nulla"

ZUGO - La nazionale rossocrociata ha mire ambiziose: i prossimi Mondiali del gruppo A si svolgeranno proprio nel nostro paese dall’8 al 24 maggio (sedi ...
20.01.2020
Sport

Richiedente l'asilo picchia la compagna incinta per farla abortire, condannato (ma niente carcere né espulsione)

Un richiedente l'asilo iracheno è stato riconosciuto colpevole di lesioni semplici per aver picchiato ripetutamente la compagna incinta per farla abortire. Non...
13.01.2020
Svizzera

Asilanti non vengono rinviati in Italia, "il TAF mina l'Accordo di Dublino"

L'UDC ha duramente criticato alcune recenti sentenze del Tribunale amministrativo federale di vietare il rinvio in Italia di richiedenti l'asilo. Con "queste...
09.01.2020
Svizzera