Opinioni, 26 marzo 2019

Ticinesi costretti ad emigrare per trovare lavoro?

Il granconsigliere Nicholas Marioli ha inoltrato oggi un'interrogazione al Consiglio di Stato in cui viene chiesto quanti sono i ticinesi che hanno lasciato il Ticino negli ultimi anni e quali sono le misure che il governo ticinese intende mettere in atto per arginare il fenomeno.

Di seguito il testo completo dell'interrogazione:

Negli ultimi anni la problematica concernente la disoccupazione giovanile per gli under 30 anni e il reinserimento professionale per gli over 50 sta diventando sempre di più una preoccupazione generale, tuttavia a livello politico non si fa abbastanza per sostenere queste sensibili categorie. Da svariati mesi anche i principali media d’oltre confine stanno evidenziando dati catastrofici in tal senso.

Ecco qualche estratto: “(…) Sugli 81mila connazionali con più di 24 anni che si sono cancellati dalle anagrafi nel 2016, la quota più significativa è rappresentata dai 38mila cittadini nella fascia 25- 39 anni, con un’incidenza di laureati del 28,5 per cento. (…)” tratto dal Sole 24 ore del 29.03.2018. e “(…) a partire dall'Italia sono sicuramente i giovani (37,4% sul totale da gennaio a dicembre 2017) e i giovani adulti (25,0%), ma le crescite più importanti le si notano dai cinquant'anni in su: +20,7% tra i 50-64 anni; +35,3% nella fascia 65-74 anni; +49,8% in quella 75-84 anni e +78,6% over 85.(…)” tratto dal portale Tgcom24.mediaset.it del 24.10.2018 Anche alle nostre latitudini le cifre inerenti al mercato del lavoro ticinese non sono rosee; basti pensare ai dati in aumento della disoccupazione, soprattutto tra i giovani under 30 e gli over 50 che sono le categorie più penalizzate nel mondo lavorativo e professionale.

L’inserimento nel mercato del lavoro di queste fasce di popolazione dev’essere l’obbiettivo primario. Considerato il momento difficile che, inevitabilmente, stanno vivendo i ticinesi e i residenti nel mercato del lavoro è dunque opportuno interrogarsi sulla situazione nel nostro Cantone. La preoccupazione principale è che vi siano ticinesi che per poter avere un futuro lavorativo (e quindi personale) debbano trasferirsi all’estero oppure oltre Gottardo e, per paradosso, migliaia di nuove entrate di lavoratori continuano ad essere una realtà sul nostro territorio.

Visto quanto precede, chiedo:

1. Quanti sono i ticinesi che si sono trasferiti all’estero oppure in un altro Cantone Svizzero negli ultimi 5 anni?

2. Quanti di questi sono giovani under 30, rispettivamente over 50?

3. Quanti sono i diplomati presso una scuola media superiore, scuola professionale oppure scuola universitaria professionale o accademica che nei 5 anni successivi al conseguimento del diploma si sono trasferiti all’estero o fuori Cantone?

4. Come intende il Consiglio di Stato arginare il fenomeno delle fughe di giovani diplomati/laureati e rispettivamente degli over 50 disoccupati dal nostro Cantone?  

Nicholas Marioli

Guarda anche 

La rivincita delle seconde case in Ticino

L’estate è iniziata, nonostante le grandi incertezze dovute alle misure di sicurezza imposte per combattere la diffusione del Covid-19, cerchiamo di capir...
20.07.2020
Ticino

“È tempo di sfatare certi miti: il rugby 7, uno sport per tutti”

LUGANO - Mattia Sacchi, un tempo capo-redattore del Mattinonline e prim’ancora capitano di lungo corso sulle navi mercantili, ha deciso di fondare una squ...
21.07.2020
Sport

"Quali conseguenze per chi sapeva del padre violento e non ha segnalato?"

Quali saranno le conseguenze per i docenti che sapevano del clima di violenza all'interno di una famiglia siriana, dove il padre per anni ha maltrattato moglie e figl...
12.07.2020
Ticino

L’Istituto Santa Caterina di Locarno, una scuola di riferimento nella formazione dei giovani del locarnese

L’Istituto Santa Caterina di Locarno è stato fondato sul finire del 1'700 ed è pertanto una delle scuole più antiche del nostro Cantone. Ne...
08.07.2020
Ticino