Mondo, 10 marzo 2019

Il professore olandese: "Nessun paese occidentale è mai riuscito a integrare i musulmani"

Sulla base dei suoi 20 anni di studi sull'integrazione e l'assimilazione, il professore di sociologia Ruud Koopmans è giunto alla conclusione che i musulmani sono più difficili da integrare rispetto ad altri gruppi di migranti.

Ruud Koopmans sostiene che nessun paese occidentale finora è riuscito a integrare con successo i musulmani.

"I musulmani sono molto più restii all'integrazione rispetto ad altri gruppi di migranti, e non c'è dubbio che nella maggior parte degli altri gruppi di migranti, vediamo grandi progressi da una generazione all'altra. Anche se non è completamente assente nei musulmani, il cambiamento è molto più lento ", ha dichiarato di recente al quotidiano danese Berlingske, ripreso dal portale sputniknews.

Circa il 65% dei musulmani turchi e marocchini in sei paesi europei considera le norme religiose più importanti della legge del paese in cui vivono.

I musulmani si considerano separati dagli altri gruppi non musulmani e si astengono da una più ampia interazione con coloro al di fuori della loro religione.

L'interpretazione fondamentalista del Corano, che è prevalente tra molti musulmani, impedisce loro di essere integrati nei paesi occidentali.

Stando a Koopmans fino al 50 per cento dei musulmani in Europa ha credenze fondamentaliste. Al contrario, la percentuale di fondamentalisti tra i cristiani è molto più bassa, inferiore al 4%, secondo i dati del professore olandese.

"Concludo che il mondo islamico è in ritardo rispetto al resto del mondo quando si parla di democrazia, diritti umani e sviluppo politico ed economico", ha detto Koopmans a Berlingske, attribuendo questo fatto a opinioni conservatrici sul ruolo delle donne, bassi investimenti nell'istruzione dei bambini e alla propaganda fondamentalista.

"Il problema principale è come i musulmani e, globalmente, molti paesi musulmani interpretano l'Islam. Vale a dire, in un modo che afferma fondamentalmente che il Corano e la Sunna devono essere presi alla lettera, e che il modo in cui il Profeta visse nel 7 ° secolo deve essere il metro per come i musulmani dovrebbero vivere nel 21 ° secolo. "

"Una tale interpretazione dell'Islam è, in primo luogo, una minaccia per la pace mondiale. In secondo luogo, impedisce l'integrazione ", conclude Koopmans.

Guarda anche 

“La Svezia e le 100 esplosioni”, anche i mass media si accorgono del fallimento del multiculturalismo svedese

Quando il presidente americano Donald Trump menzionò, durante un comizio nel febbraio 2017, la Svezia quale esempio di paese occidentale rovinato dall'immigraz...
14.11.2019
Mondo

Austria: Migranti inscenano delle finte esecuzioni, "la popolazione ha paura"

"Ci sono stati degli spari: molte persone li hanno sentiti nel quartiere, sono i giovani immigrati che giocano alla guerra nel nostro Grätzel", racconta un...
12.11.2019
Mondo

Svezia, quattro migranti arrestati per uno stupro di gruppo su una ragazzina 13enne

Quattro eritrei sono stati arrestati con l'accusa di aver brutalmente violentato una ragazza svedese di 13 anni, a Hallsberg, nel centro del paese scandinavo. Gli ...
11.11.2019
Mondo

La Turchia ha iniziato a espellere i jihadisti "occidentali" in Europa, "sono vostri, fatene quello che volete"

La Turchia ha iniziato lunedì ad espellere i membri stranieri del gruppo dello Stato Islamico (ISIS) che detiene, annunciando il “rimpatrio” di un jiha...
11.11.2019
Mondo