Svizzera, 04 febbraio 2019

Nel canton Berna aboliscono i compiti a casa, ma i genitori degli allievi non approvano

Bisognerebbe abolire i compiti a casa? È la domanda che in molti si stanno ponendo nel Canton Berna, dove si è deciso di ridurli in modo significativo nel'ambito del programma scolastico Lehrplan 21. Diversi comuni hanno perfino deciso di abolirli del tutto a partire da lquesto anno scolastico, come a Köniz, e questo per il dispiacere di molti genitori.

Sei mesi dopo l'introduzione della misura, molti genitori sono ancora parecchio critici, secondo riferisce il portale bernese “DasBund”. Per Bettina Dénervaud, madre e co-presidente dell'associazione “Genitori e scuola” del cantone di Berna, il bilancio finora è deludenti.

"I genitori non sanno più cosa sono i compiti che dovrebbero essere svolti a casa", dice. Inoltre diversi confondono compiti a casa con lo studio. "Un bambino dovrebbe terminare un compito a casa e imparare il vocabolario francese per la verifica di domani o no?" si chiede Dénervaud. Inoltre, osserva che gli studenti più deboli spesso portano a casa compiti. E anche i più dotati non possono evitare di lavorare a casa se vogliono andare al liceo o in un'altra scuola con una particolare selezione, dice.

"Non c'è abbastanza tempo per imparare tutto a scuola", sostiene la madre. "Anche se i bambini hanno abbastanza tempo per svolgere i compiti, spesso lo usano impropriamente", dice. "L'apprendimento indipendente è difficile per la maggior parte dei bambini", afferma Bettina Dénervaud.
Di conseguenza, i bambini trascorrono più tempo a scuola e in seguito hanno comunque bisogno di studiare e finire i compiti a casa.

Tuttavia, la soddisfazione dei genitori dipende in larga misura da come la scuola comunica con loro. Perché hanno bisogno di essere informati su ciò che i loro figli stanno facendo in classe, sostiene l'altra co-presidente dell'associazione di “Genitori e scuola”, Gabriela Heimgartner. "Molti genitori usano i compiti per farsi un'idea di cosa succede a scuola", spiega Gabriela Heimgartner. Di conseguenza, spetta alla scuola spiegare meglio il contenuto della formazione, secondo lei.

A Köniz, il messaggio sembra passare a poco a poco. Gli insegnanti inviano ai genitori una lettera all'inizio di ogni trimestre per annunciare i prossimi argomenti che verranno trattati in classe. Gli studenti devono anche portare a casa le loro verifiche a casa da far firmare. Questi sono dettagliati dagli insegnanti e i genitori sono invitati ad aggiungere i loro commenti. Di conseguenza, le lamentele dei genitori sono diminuite. "Possiamo facilmente capire la situazione dei nostri bambini e aiutarli laddove ci sono davvero delle lacune", afferma un papà.

E cosa dicono gli insegnanti? Le opinioni divergono, secondo il Bund. Alcuni sono felici di avere meno compiti da correggere a casa. Ma altri hanno difficoltà a coordinarsi con gli altri insegnanti di una classe per fare in modo che il numero massimo di compiti consentiti non sia superato.

Guarda anche 

La Scuola Elementare Sant'Anna AU LAC

L’Istituto Sant’Anna propone a partire dall’anno scolastico 2020/2021 il nuovo progetto di scuola elementare Sant’Anna au Lac, in una...
15.06.2020
Ticino

Il soldatino Ghisletta sbrocca

I patetici attacchi personali nei miei confronti da parte del presidente della sezione PS di Lugano Raoul Ghisletta, ormai ridottosi ad esagitato galoppino del DECS e del...
11.05.2020
Ticino

Scuola: le responsabilità sono chiare

Come da Diktat del DECS, le scuole comunali riapriranno domani, secondo le direttive - fumose, caotiche e contraddittorie - calate dall’alto dal dipartimento. &ldqu...
10.05.2020
Ticino

Il presidente PS offende gratuitamente l’istituto scolastico

Il presidente della sezione PS di Lugano nonché consigliere comunale Raoul Ghisletta si produce nell’ennesima dimostrazione di pochezza ed astio, oltre che d...
02.05.2020
Ticino