Svizzera, 04 febbraio 2019

Nel canton Berna aboliscono i compiti a casa, ma i genitori degli allievi non approvano

Bisognerebbe abolire i compiti a casa? È la domanda che in molti si stanno ponendo nel Canton Berna, dove si è deciso di ridurli in modo significativo nel'ambito del programma scolastico Lehrplan 21. Diversi comuni hanno perfino deciso di abolirli del tutto a partire da lquesto anno scolastico, come a Köniz, e questo per il dispiacere di molti genitori.

Sei mesi dopo l'introduzione della misura, molti genitori sono ancora parecchio critici, secondo riferisce il portale bernese “DasBund”. Per Bettina Dénervaud, madre e co-presidente dell'associazione “Genitori e scuola” del cantone di Berna, il bilancio finora è deludenti.

"I genitori non sanno più cosa sono i compiti che dovrebbero essere svolti a casa", dice. Inoltre diversi confondono compiti a casa con lo studio. "Un bambino dovrebbe terminare un compito a casa e imparare il vocabolario francese per la verifica di domani o no?" si chiede Dénervaud. Inoltre, osserva che gli studenti più deboli spesso portano a casa compiti. E anche i più dotati non possono evitare di lavorare a casa se vogliono andare al liceo o in un'altra scuola con una particolare selezione, dice.

"Non c'è abbastanza tempo per imparare tutto a scuola", sostiene la madre. "Anche se i bambini hanno abbastanza tempo per svolgere i compiti, spesso lo usano impropriamente", dice. "L'apprendimento indipendente è difficile per la maggior parte dei bambini", afferma Bettina Dénervaud. Di conseguenza, i bambini trascorrono più tempo a scuola e in seguito hanno comunque bisogno di studiare e finire i compiti a casa.

Tuttavia, la soddisfazione dei genitori dipende in larga misura da come la scuola comunica con loro. Perché hanno bisogno di essere informati su ciò che i loro figli stanno facendo in classe, sostiene l'altra co-presidente dell'associazione di “Genitori e scuola”, Gabriela Heimgartner. "Molti genitori usano i compiti per farsi un'idea di cosa succede a scuola", spiega Gabriela Heimgartner. Di conseguenza, spetta alla scuola spiegare meglio il contenuto della formazione, secondo lei.

A Köniz, il messaggio sembra passare a poco a poco. Gli insegnanti inviano ai genitori una lettera all'inizio di ogni trimestre per annunciare i prossimi argomenti che verranno trattati in classe. Gli studenti devono anche portare a casa le loro verifiche a casa da far firmare. Questi sono dettagliati dagli insegnanti e i genitori sono invitati ad aggiungere i loro commenti. Di conseguenza, le lamentele dei genitori sono diminuite. "Possiamo facilmente capire la situazione dei nostri bambini e aiutarli laddove ci sono davvero delle lacune", afferma un papà.

E cosa dicono gli insegnanti? Le opinioni divergono, secondo il Bund. Alcuni sono felici di avere meno compiti da correggere a casa. Ma altri hanno difficoltà a coordinarsi con gli altri insegnanti di una classe per fare in modo che il numero massimo di compiti consentiti non sia superato.

Guarda anche 

Docente dà uno schiaffo a un alunno che teneva la porta dell'aula chiusa, i genitori sporgono denuncia

Un alunno di 14 anni di una scuola media di Grenoble (VD) ha preso una sschiaffo dal suo insegnante giovedì scorso per aver impedito a un compagno di classe di las...
11.09.2021
Svizzera

Allievi ricevono invito a prostestare per il clima sull'email scolastica, aperta un'indagine

Nel corso del mese di maggio 2021, degli studenti delle scuole primarie e secondarie di Friburgo hanno ricevuto una e-mail al loro indirizzo scolastico ufficiale, ha fatt...
20.06.2021
Svizzera

Microcamera nascosta nel bagno delle maestre: “Era un gioco erotico” ammette il sindaco

ALBANO SANT’ALESSANDRO (Italia) – Risulta indagato per interferenze illecite nella vita privata, Maurizio Donisi,  il sindaco di un comune bergamasc...
26.02.2021
Magazine

Professore fa sesso durante la lezione di DAD: la telecamera era accesa

URBINO (Italia) – Durante una lezione online con gli studenti, un docente dell’Accademia delle Belle Arti di Urbino, ha deciso di far partire un video didatti...
16.01.2021
Magazine