Svizzera, 01 febbraio 2019

Appoggia un McFlurry a terra, riceve 350 franchi di multa

Stanno facendo discutere in Svizzera francese dei casi di multe rilasciate con quella che molti ritengono sia essere un'eccessiva severità. Dopo il caso di Ginevra, dove centinaia di persone erano state multate dopo essersi recate a un funerale e non aver trovato parcheggio (vedi articoli correlati) questo accaduto a Villeneuve, nel canton Vaud, e emerso ieri può sembrare ancora più eccessivo.

Dopo essersi recata al McDonald di Rennaz (VD), Jessica (nome di fantasia) e un suo amico posteggiano a pochi minuti di distanza e accendono una sigaretta. "Incapace di tenere il mio telefono, il mio gelato e la mia sigaretta allo stesso tempo, appoggio il McFlurry sul pavimento vicino all'auto in modo che non si sciolga" racconta la 22enne a "20 minutes", che riferisce della vicenda.

In quel momento passa una pattuglia della polizia. Uno degli agenti nota la vaschetta del gelato a terra e la considera un abbandono di rifiuti sulle strade pubbliche. Le spiegazioni della giovane, dicendo che avrebbe poi consumato il suo dessert senza l'intenzione di abbandonarlo, non cambieranno la decisione degli agenti di multarla.


"L'agente mi ha detto che sarebbero staticirca 100 franchi di multa. E invece ho ricevuto una fattura di 350 franchi!" racconta Jessica. A una richiesta di informazioni alle autorità di Villeneuve, viene spiegato che l'importo è più importante per questo perché jessica non è domiciliata nella città di Villeneuve e che il prezzo è diverso tra i residenti nel comune e gli altri.

"Questo è quanto previsto dal regolamento municipale, in parte per combattere il turismo dei rifiuti, e in secondo luogo perché i nostri cittadini stanno già pagando una tassa sulla gestione dei rifiuti" dice Dylan Karlen, municipale e Presidente della commissione di polizia. I trasgressori dei regolamenti, colti in flagrante o identificati dopo un controllo di sacchi della spazzatura, pagano 100 franchi i residenti del comune, e 300 fr. per chi risiede altrove, a cui si aggiungono, per il giovane Vaudoise, 50 fr. costi procedurali.

Ma Jessica sostiene che intendeva liberarsi della vaschetta una volta che il gelato fosse stato consumato. "La persona ha dieci giorni per opporsi. Se lo fa, sarà ascoltata dalla Commissione di polizia " ha detto la municipale. L'appuntamento è fatto: la giovane donna ha inviato martedì la sua opposizione.

Guarda anche 

Il Patto ONU che cova sotto la cenere

E’ un po’ che non si sente più parlare del patto ONU sulla migrazione, detto anche Global Compact. Quello che 165 Stati hanno sottoscritto nel dicembre...
19.07.2019
Svizzera

Fugge da un istituto psichiatrico, un poliziotto gli spara

Un uomo fuggito da un'istituto psichiatrico ha perso la vita mercoledì sera durante un'operazione di polizia a Berna. Ritenuto un "pericolo imminente&...
18.07.2019
Svizzera

La polizia sta cercando un caimano in un lago del canton Argovia

La polizia argoviese sta cercando un caimano avvistato domenica sera da un pescatore nel lago Hallwil. Sul posto, i bagnanti non sembrano preoccupati: tra i nuotatori che...
18.07.2019
Svizzera

Dei corsi di nuoto per i richiedenti l'asilo per far diminuire gli annegamenti

Quasi la metà delle vittime di annegamento in Svizzera sono di origine straniera. Nel 2018 sono state 37 persone a perdere la vita l'anno scorso in laghi e cor...
18.07.2019
Svizzera