Svizzera, 29 gennaio 2019

Lavorare per Ikea Svizzera a paghe... francesi

Uno stipendio mensile di 1680 euro (1905 franchi), 35 ore di lavoro a settimana, il 50% delle spese di trasporto e il pedaggio pagato. Chi sono i destinatari dell'annuncio è chiaro: i francesi. Il problema è che il luogo di lavoro è in Svizzera, precisamente per Ikea Vernier, nel canton Ginevra.

La società che sta dietro a questo annuncio, Trusk, lavora già con il gigante svedese nel paese di Molière . Ora vuole provare a espandersi in Svizzera dove ha aperto una filiale il 4 gennaio scorso. I suoi servizi sono simili a quelli offerti da Uber, solo che invece di trasportare le persone gli autisti trasportano mobili e altri oggetti.

"Siamo in fase di test con Ikea" afferma Loïc Simon-Barboux capo progetto presso Trusk a "20 minutes" che riferisce della vicenda. Per il lancio, abbiamo solo francesi con salari gestiti dalla squadra francese. Se il test è convalidato, le cose cambieranno rapidamente, già a marzo, con una squadra svizzera con contratti svizzeri" assicura Simon-Barboux. Se con
contratti svizzeri intende dire stipendi svizzeri non viene specificato.

Ikea dal canto suo conferma la collaborazione con Trusk tramite il suo portavoce Manuel Rotzinger. Accoglie con favore l'arrivo di una soluzione di consegna più personalizzata e veloce rispetto al servizio tradizionale. "Se la collaborazione ha successo, sarà estesa ad altre filiali". Per quanto riguarda gli stipendi francesi, li considera "non ideali ma accettabili poiché è una fase di transizione".

Le autorità ginevrine si mostrano invece meno entusiase dell'arrivo dell'azienda francese sul suo territorio. "Seguiremo con attenzione l'evolversi della situazione" dichiara il portavoce del Dipartimento dell'Impiego Laurent Paoliello "è chiaro che se un'azienda straniera arriva in Svizzera, è tenuta a rispettare le regole e il diritto svizzeri" spiega, senza precisare in che cosa l'azienda francese violerebbe l'attuale legge e quali misure potrebbe prendere il cantone se la situazione non dovesse cambiare.

Guarda anche 

"Ancora una volta i cittadini sconfessano la casta"

Nonostante la probabile bocciatura a livello nazionale la Lega dei Ticinesi, tramite comunicato stampa, "prende atto con soddisfazione dell’esito della votazio...
27.09.2020
Ticino

"Accogliere i migranti di Moria significa incoraggiare la distruzione di altri centri profughi"

Il Consigliere nazionale Lorenzo Quadri in un'interpellanza al Consiglio federale chiede che la Svizzera non accolga migranti dall'isola di Lesbo per "non in...
16.09.2020
Svizzera

Baranzini: "La libera circolazione non ha favorito i cantoni di frontiera"

Il prossimo 27 settembre saremo chiamati a esprimerci sulla libera circolazione delle persone con l'Unione europea, un accordo in vigore da ormai 13 anni e che ha avu...
15.09.2020
Svizzera

"No alla libera circolazione incontrollata della manodopera estera"

L’Organizzazione per il Lavoro in Ticino (TiSin) con un comunicato trasmesso ai media prende posizione sull'iniziativa detta “di limitazione” dicend...
10.09.2020
Svizzera